Hilton cede il 25 per cento ai cinesi di HNA

di Carlo Valuta Commenta

I cinesi di HNA comprano il 25 per cento di Hilton, il più grande gruppo alberghiero degli Stati Uniti.

Nuovi investimenti nel settore alberghiero. Il più grande gruppo americano dell’ospitalità, il gruppo Hilton, ha ceduto un 25 per cento della sua quota al gruppo cinese HNA, vendendo la sua parte per un totale di 6,5 miliardi di dollari. Hna Tourism Group, dal canto suo, è un gruppo composito con interessi in diversi settori, dal turismo, al real estate e ai servizi finanziari.

Hilton Logo

Ai cinesi di HNA una quota di Hilton

Come si può leggere in una nota HNA ha acquistato 247,5 milioni di azioni del fondo Blackstone group, maggiore azionista di Hilton, arrivando quindi a possedere il 25 per cento. La transazione ha previsto un costo di  26,25 dollari per azione ed è stata realizzata in contante.

Si tratta di un affare o no? In realtà se andiamo a guardare i valori raggiunti dai titoli del gruppo vediamo che il titolo ha chiuso venerdì ad un totale di 22,91 dollari ad azione, ragione per cui il prezzo di pagamento è del 15 per cento più alto della precedente chiusura.

Secondo le fonti l’operazione dovrà essere conclusa entro il mese di marzo 2017 e rimescolerà le carte in tavola nell’assetto societario del gruppo. Dopo l’investimento nella partecipazione la quota di Blackstone in Hilton calerà al 21 per cento circa dal precedente 45,75 per cento mentre Hna diventerà il maggiore azionista del gruppo con il suo nuovo 25 per cento. 

Sulla base di questo accordo anche il consiglio di amministrazione della società sarà differentemente formato ma si avrà comunque la permanenza di due rappresentanti del fondo Blackstone tra cui il presidente Jonathan Gray.

La scalata di HNA nel settore turistico si situa all’interno di una tendenza che vede le grandi aziende cinesi interessate ad acquisire partecipazioni all’interno dei gruppi degli Stati Uniti. Poco tempo fa la cinese Anbang aveva tentato la scalata a Starwood, che si è invece fusa con la Marriot in cerca di difese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>