Le valute esotiche nel mercato del Forex

di Stefania Russo Commenta

Le principali valute normalmente commercializzate sul mercato del Forex sono il dollaro statunitense (USD), l’euro (EUR), lo yen giapponese (JPY), la sterlina britannica (GBP)...

Le principali valute normalmente commercializzate nel mercato del Forex sono il dollaro statunitense (USD), l’euro (EUR), lo yen giapponese (JPY) e la sterlina britannica (GBP), a cui si aggiungono il franco svizzero (CHF), il dollaro australiano (AUD), il dollaro canadese (CAD) e il dollaro neozelandese (NZD).

Le restanti valute, quelle meno comuni, sono le cosiddette valute esotiche che possono essere ugualmente commercializzate sul mercato del Forex, anche se la cosa diventa più complicata a causa della scarsa quantità di attività e strumenti che consentono di fare trading, diversamente da come avviene per le valute più comuni.


Questa particolarità ha come immediata conseguenza un più elevato costo delle valute stesse e un maggiore grado di rischio. Come accade per la maggior parte degli investimenti, tuttavia, ad un maggior rischio corrisponde quasi sempre un maggior rendimento. Il mercato delle valute esotiche è infatti piuttosto complicato, soprattutto per via della difficoltà di fare previsioni sufficientemente attendibili, in quanto la situazione politica e finanziaria dei paesi in via di sviluppo, da cui provengono gran parte di queste monete, possono cambiare molto rapidamente.

Le valute esotiche, inoltre, presentano uno spread (ossia la differenza tra i prezzi long e short di una coppia di valute) molto più alto rispetto a quello delle valute comuni.

Per tutti questi motivi, dunque, il commercio delle valute esotiche rappresenta una parte importante nel mercato del Forex, tuttavia è doveroso procedere con cautela e tenere in considerazione lo spread maggiore nel calcolo del potenziale profitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>