Exor, le prossime mosse dopo le due acquisizioni internazionali

di Carlo Valuta Commenta

Bene il titolo in Borsa.

Le recenti e importantissime acquisizioni effettuate da Exor sono state un ottimo volano per la crescita del titolo in Borsa. Dopo PartnerRe, non rimane che osservare nei dettagli l’operazione – Economist concretizzatasi nei giorni scorsi:

La quota della holding della famiglia Agnelli sarà del 43,4% ma tuttavia sarà limitata al 20% dei diritti di voto. The Economist vanta una profittabilità e un dividend yield intorno al 6%.

Un prezzo, quello messo a disposizione da Exor, ritenuto ragionevole dagli analisti di Equita anche in considerazione del premio di maggioranza (la finanziaria degli Agnelli ha acquistato il 100% delle azioni B che garantiscono qualche potere aggiuntivo) e della notorietà/qualità del brand: multipli enterprise value/vendite 2015 di 2,4 volte, ev/ebit di 13 volte e prezzo/utile di 16 volte sulla base di risultati sostanzialmente stabili, solo in leggero calo negli ultimi 4 anni.

Anche per gli analisti di Mediobanca Securities il prezzo pagato è ragionevole, se non addirittura basso visti i numeri 2015 (il bilancio si chiude il 31 marzo) che hanno mostrato un margine operativo solido del 18,3%, vendite pari a 328 milioni di sterline, un utile operativo di 60 milioni di sterline, un utile netto di 46 milioni (14% del fatturato) e praticamente nessun debito (-17 milioni di sterline più -33 milioni di passività pensionistiche).

Nel contempo l’Economist ha fatto registrare un flusso di cassa operativo di 60 milioni di sterline, che implica un rapporto cash flow/capitalizzazione di mercato (o il prezzo pagato in questo caso) dell’8,1%. Exor ha quindi valutato l’Economist a 13 volte l’enterprise value/ebit rispetto alle 14,1 volte dei competitor, quindi con uno sconto del 14%, e a 16 volte il prezzo/utile in linea con i peer.

Da sottolineare inoltre il dividend yield dell’Economist intorno al 6%, una caratteristica comune delle recenti acquisizioni di Exor. “Con quasi 41 milioni di sterline di dividendo pagato sul bilancio 2015, il dividend yield è stato del 5,6% ma negli ultimi tre anni è stato di oltre il 6%”, osservano gli analisti di Mediobanca i quali, considerando i potenziali dividendi dalla Ferrari, da PartnerRe, da L’Economist e da Cnh, calcolano che Exor possa incassare poco meno di 700 milioni di euro sul bilancio 2016, da pagare nel 2017.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>