Metroweb pronta ad acquisire capitali di Cdp

di Carlo Valuta Commenta

La quota della Cassa Depositi e Prestiti non è in vendita.

La Cassa depositi e prestiti non ha intenzione di cedere la quota in Metroweb, anzi è pronta a rilanciare investendo maggiormente nel gestore delle reti di telecomunicazione a banda larga.

A seguito delle offerte avanzate da Telecom Italia e da Vodafone per acquisire la quota che F2i possiede in metroweb, oggi il presidente di Cdp e di Metroweb, Franco Bassanini, ha ripetutoi che il 46% detenuto tramite il Fondo strategico italiano non è sul mercato.

Al contrario, la Cdp è pronta ad aumentare la dotazione di capitale nella speranza che l’azionista di maggioranza, F2i con il 53% del capitale, concorra. Dopo di che F2i farà le sue valutazioni. Quello che secondo noi è meglio è una Metroweb in grado di investire molto, miliardi, nel potenziamento e nella realizzazione dell’infrastruttura di rete di nuova generazione. Vedo di buon occhio la presenza di azionisti pronti ad accelerare gli investimenti. In ogni caso anche la Cdp, avendo una partecipazione di minoranza, farà la sua parte.

Stando alle ultime indiscrezioni, F2i avrebbe trasmesso in questi giorni una lettera ai due gruppi interessati, Telecom Italia e Vodafone appunto, ringraziandoli per l’interesse manifestato, rammentando gli impegni contrattuali con altri soggetti presenti nel capitale della società della fibra ottica e mantenendo così la porta aperta al dialogo.

Ma non è tutto, in quanto l’ad del fondo, Renato Ravanelli, avrebbe intenzione di convocare i due gruppi dopo Natale per approfondire il discorso dei progetti industriali. F2i, comunque, non ha fretta di uscire dall’investimento e non ha sollecitato le offerte, ma dal momento che sia Telecom sia Vodafone hanno preso l’iniziativa, deciderà il da farsi sulla base delle prospettive di sviluppo della società.

La partita non terminerà dunque quest’anno. I tempi sono di fatto proposti dal decreto in arrivo per l’utilizzo dei vantaggi fiscali che dovrebbe fissare al 31 gennaio prossimo il termine entro cui presentare i piani di investimento nelle aree in cui realizzare i collegamenti Fiber to the building o Fiber to the home, in aggiunta a quelli già programmati dagli operatori con la formula Fiber to the cabinet, che non godono delle agevolazioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>