MPS e Codacons ai ferri corti

di Filadelfo Scamporrino Commenta

MPS, che si riserva ogni azione a tutela, ritiene inoltre che quella del Codacons sia un’azione di disturbo continua e peraltro già interrotta sul nascere in diverse sedi.

Nell’ambito della manovra di risanamento del Gruppo bancario l’approvazione del Bilancio alla data del 31 dicembre del 2012 rappresenta una tappa significativa. A farlo presente con un comunicato ufficiale è stato MPS, Monte dei Paschi di Siena, che in particolare ha contestato le asserzioni che sono state formulate dal Codacons.


SETTORE BANCARIO IN RIALZO PER GARANZIE DELLO STATO SULLE BANCHE

In particolare, riferendosi alla denuncia che il Codacons ha presentato presso la Procura della Repubblica di Siena, MPS ha sottolineato come il nuovo management abbia sinora operato nel processo di rinnovamento con linearità e con coerenza, e come nei confronti del mercato sia stato adottato il massimo grado di dettaglio, di trasparenza e di linearità. MPS, che si riserva ogni azione a tutela, ritiene inoltre che quella del Codacons sia un’azione di disturbo continua e peraltro già interrotta sul nascere in diverse sedi.

AZIONI SU CUI INVESTIRE IN CASO DI RECESSIONE

Ricordiamo che il Codacons, con un comunicato pubblicato oggi sul proprio sito Internet, ha presentato alla Procura una denuncia per truffa a carico del management di MPS, ed una alla Corte dei Conti per rilevare se ci sia stato un danno erariale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>