QE, i mercati applaudiranno la scelta a lungo termine?

di Redazione Commenta

Sorgono i primi problemi, le prime contraddizioni e i primi ostacoli da superare.

QE: quella di Mario Draghi è la scelta giusta? Perché il governatore della Bce ha perorato con insistenza questa causa?

L’obiettivo è quello di portare i tassi reali ad essere negativi. Ma è un obiettivo così importante? Se si, perché? Solo quando i tassi reali sono negativi la gente inizia a spendere e gli imprenditori iniziano ad investire. Diversamente la ricchezza rischia di depauperarsi.

Dunque, il primo obiettivo di Draghi è quello di generare un minimo di inflazione. Questa è la maniera attraverso la quale i consumatori torneranno a consumare e gli imprenditori a investire senza tenere risorse presso i loro conti in banca.

Ma pensare che la banca centrale si faccia carico di tutto questo è sbagliato. Oggi la Bce mette la liquidità creando un minimo di asset inflation. Domani la liquidità verrà tolta e si tornerà al punto di partenza. Per far si che non succeda questo, Draghi ha pensato di predisporre le sue carte in modo da assumersi le sue responsabilità, sperando che i governi facciano la loro parte. Quale? Fare riforme.

Intanto crescono le divergenze tra le politiche monetarie di Fed e Bce. Draghi ha dichiarato in tutti i modi possibili che desidera evitare il rischio di deflazione. Il principale problema della deflazione è il suo impatto sui salari. I lavoratori vantano meno potere contrattuale, non riescono ad acquistare quello che desiderano e fanno fatica ad avere una visuale prospettica del futuro.

Inoltre, si fa molta fatica ad assorbire i nuovi lavoratori che devono entrare sul mercato. Aspettiamoci, dunque, un 2015 fatto di mosse molto aggressive da parte della Bce. A partire dal quantitative easing.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>