Unicredit e l’abuso del diritto

di Verna Vito Commenta

Ad UniCredit verrebbe contestato il reato di abuso di diritto.

Ciò che ha di particolare la vicenda che in questi giorni sta coinvolgendo UniCredit, la più importante banca italiana, non è tanto lo scandalo in sé quanto, piuttosto, l’incertezza sulle accuse mosse all’istituto di credito e, dunque, sul futuro stesso di Piazza Cordusio, degli azionisti e degli investitori.

AUMENTO DI CAPITALE UNICREDIT SEMPRE PIÙ VICINO

Un sequestro, effettuato a scopo preventivo, che entra a far parte del diritto penale è già cosa strana. Che poi le accuse contestate, ovverosia di abuso di diritto, si riferiscano ad un lasso temporale precedente all’introduzione, nell’ordinamento giuridico italiano, del suddetto reato, avvenuto grazie ad una sentenza della Corte di Cassazione di fine 2008, appare paradossale.

ALLIANZ E L’AUMENTO DI CAPITALE UNICREDIT

Per di più in un contesto legislativo che, lo ribadiamo, si gioca esclusivamente sull’incertezza.

Sembrerebbe, a voler essere maligni, che UniCredit sia stata presa a capro espiatorio, affinché, una volta per tutte, si chiarisca, con certezza, l’applicabilità del reato di abuso d’ufficio e affinché le istituzioni, sui banchi dell’istituto di credito, possano fare scuola sull’argomento.

Inoltre, come se tutto ciò non bastasse, vi sarebbe da ribadire come, ogni operazione oggi contestata a Profumo sia stata, in passato, approvata, o per lo meno considerata contabilmente accettabile sia dallo Studio Tremonti, sia dallo IAS, sia dalla stessa Agenzia delle entrate che sta montando il caso mediatico di cui sopra.

Simili operazioni, infine, sarebbero state compiute, in passato, dall’intero comparto, e banche, quali Intesa Sanpaolo e Monte dei Paschi di Siena, avrebbero ricevuto numerosi controlli senza, tuttavia, subire quanto sta subendo oggi UniCredit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>