Investire nelle small cap di Piazza Affari nel 2013

di Redazione Commenta

L’indice azionario Russell2000, che raggruppa le società minori quotate alla borsa di Wall Street, è salito sui massimi storici a 932 punti a metà febbraio scorso

L’indice azionario Russell2000, che raggruppa le società minori quotate alla borsa di Wall Street, è salito sui massimi storici a 932 punti a metà febbraio scorso. L’interesse per le società a bassa capitalizzazione sembra essere generalizzato, visto che anche in Europa i principali indici relativi alle small & mid cap sono sui massimi di periodo. In Italia, nonostante le recenti turbolenze, gli indici azionari FTSE Italia Star e FTSE Italia Mid Cap sono in rialzo del 6% circa da inizio anno mentre il FTSE Small Cap del 2%.

Le azioni delle small & mid cap restano quindi una buona soluzione per investire nel medio-lungo periodo, anche se in certe fasi più turbolente dei mercati evidenziano correzioni più brusche rispetto alle large cap a causa della loro minore liquidità. I recenti cali sugli indici delle società a piccola e media capitalizzazione vengono ccosì visti come una buona occasione d’acquisto, secondo diversi analisti finanziari e money manager.

ITALIA CHIEDERA’ AIUTI PER NON FALLIRE SECONDO CITI

Secondo Antonio Tognoli, vicepresidente di Integrae Sim, “un piccolo portafoglio, costruito selezionando fra le migliori small e mid cap italiane, nel giro di un anno o un ano e mezzo può dare un ritorno migliore del FTSE MIB”. Tognoli sottolinea che queste aziende minori “sono market-leader nel loro settore e sanno rispondere rapidamente alle necessità di ristrutturazione dettate dalla crisi”. I rischi per l’investitore, però, ci sono, in particolare la scarsa liquidità dei titoli quotati in borsa.

D’AMICO TORNA IN UTILE DOPO 14 TRIMESTRI IN ROSSO

Tra i titoli più interessanti, Tognoli consiglia Tamburi Investment Partners (Tip), Caleffi e Bee Team. A Mauro Vicini di Websim, invece, piace molto D’Amico, che ha comunque guadagnato quasi il 50% da inizio anno, ed Esprinet. L’esperto, però, sottolinea che il mercato italiano è depresso dal recente voto shock, per cui meglio comprare small cap estere, soprattutto tedesche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>