Adobe crolla dopo outlook negativo

di Gianni Puglisi Commenta

Per Adobe i prossimi mesi si preannunciano piuttosto difficili. Il colosso americano dei software ha diffuso i risultati trimestrali da..

Per Adobe i prossimi mesi si preannunciano piuttosto difficili. Il colosso americano dei software ha diffuso i risultati trimestrali da cui è emerso un risultato di gran lunga superiore rispetto alle attese degli analisti, tuttavia visti i giudizi negativi e le difficoltà riscontrate nell’ultimo periodo ha annunciato un outlook piuttosto negativo che ha avuto ripercussioni rilevanti in Borsa.

Adobe, in particolare, ha fatto sapere di attendere per il trimestre in corso ricavi compresi tra 950 milioni e 1 miliardo, contro le previsioni degli analisti che parlavano di 1,03 miliardi.


La previsione al ribasso è legata soprattutto al timore che le vendite di Creative Suite 5, ossia l’ultima versione del suo prodotto principale, possano essere inferiori del previsto, soprattutto in Giappone e negli Stati Uniti, un qualcosa che andrebbe inevitabilmente a rallentare la crescita complessiva della società.

Ma Adobe non è l’unico ad essere pessimista sull’andamento della sua attività. Dopo la comunicazione dei risultati trimestrali e dell’outlook, infatti, gran parte delle agenzie di rating hanno operato un downgrade del titolo, in particolare Bank of America Merrill Lynch, UBS, Credit Suisse e Robert W. Baird hanno declassato il titolo a “Neutral”, ThinkEquity a “Hold” e FBR a “Market Perform”.

Era inevitabile, dunque, che di tutta questa situazione ne risentisse l’andamento del titolo in Borsa. Nel pre-market il titolo perde quasi il 20%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>