Borse europee in attesa di Fed e Grecia

di Carlo Valuta Commenta

I mercati si rafforzano dopo un avvio negativo. Anche Piazza Affari, partita in rosso, gira in rialzo dell'1,6%. Il Ftse Mib arriva da uno scivolone del 2,7%, sul quale hanno pesato, però, imponenti stacchi di cedole.

Le Borse europee attendono con fiducia le mosse della Federal Reserve, mentre nel Vecchio Continente il trend topic del giorno è senza dubbio il debito greco da ristrutturare. Un argomento che con insistenza torna al centro del tavolo dell’Eurogruppo convocato nel pomeriggio.

20120401-federal-reserve


I mercati si rafforzano dopo un avvio negativo. Anche Piazza Affari, partita in rosso, gira in rialzo dell’1,6%. Il Ftse Mib arriva da uno scivolone del 2,7%, sul quale hanno pesato, però, imponenti stacchi di cedole. A Piazza Affari l’osservata speciale è Unicredit: oggi pomeriggio si riunisce il cda per l’ormai scontata uscita dell’ad, Federico Ghizzoni, e la sua successione. Sul mercato, dopo i recenti cali, tornano gli acquisti sulla banca. Volatile anche Saipem, che prima paga il taglio del rating da parte di Moody’s, poi recupera: con il giudizio Ba1, l’azienda di servizi petroliferi si trova al primo gradino del livello “spazzatura”. Girano in positivo anche gli altri listini: Londra recupera lo 0,8%, Francofortel’1% e Parigi sale dell’1,5%.

La protagonista di giornata, dal punto di vista dell’agenda di pubblicazione dei dati macroeconomici, è la Germania, dalla quale arrivano indicazioni contrastranti. Il Prodotto interno lordo tedesco è cresciuto dello 0,7% destagionalizzato nel primo trimestre rispetto ai precedenti tre mesi, grazie al traino della domanda interna. Destatis ha così confermato i dati preliminari, migliori del +0,5% atteso dagli analisti: la crescita tedesca ha accelerato dopo il +0,35% dell’ultimo periodo del 2015. Nel 2016, il governo di Berlino si attende una crescita dell’1,7% e dell’1,5% nel 2017. Deludente invece l’indice Zew di maggio sulla fiducia delle imprese: è crollato a 6,4 punti dagli 11,2 di aprile. Meglio le imprese francesi, che hanno visto migliorare l’indice di fiducia a 102 a maggio grazie soprattutto alle prospettive più positive nel settore dei servizi e del commercio al dettaglio. Nel pomeriggio si guarda alla vendita di nuove case ad aprile negli Stati Uniti, insieme all’indice della Fed di Richmond.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>