Autogrill sempre più interessata ai movimenti del dollaro

di Redazione Commenta

La società teme per un calo del biglietto verde.

Circa il 65% del margine operativo lordo di Autogrill deriva dalla controllata Usa Hsm Host, mentre per la cugina dei duty free, Wdf, il 60% circa le margine lordo viene realizzato in Inghilterra e la sterlina è direttamente collegata al biglietto verde.

Tuttavia, Autogrill non è l’unica società sensibile alle mosse economiche americane. Analizziamo la situazione osservando i vari comparti.

Senza dubbio il settore auto è molto sensibile al biglietto verde e nell’ordine, dopo l’acquisizione di Chrysler il 60% dei ricavi Fiat è realizzato in area dollaro, il 28% del fatturato di Cnh, il 24% delle vendite di Brembo, il 17% di quelle di Landi Renzo, il 14% di quelle di Sogefi e l’11% di quelle di Pirelli.

Il settore dei materiali di costruzioni è ugualmente sensibile al biglietto verde, mentre i nostri costruttori sono poco esposti in relazione alle commesse Usa. E in particolare Buzzi Unicem ha realizzato quasi il 40% del suo margine lordo in valuta Usa, contro l’8% di Italcementi che invece è molto esposta sui mercati emergenti data la sua forte presenza sui mercati emergenti come Egitto, Marocco e India. Sia Astaldi che Impregilo sono invece molto presenti in Europa e Italia, ma pochissimo del loro portafoglio ordini è in valuta Usa.

Tra i titoli energetici, Tenaris è la più esposta agli Usa, ma già realizza il suo bilancio in dollari, mentre per le utilities che in generale sono molto legate al fatturato domestico l’impatto è poco significativo, anche indirettamente sono influenzate dalle quotazioni di gas e petrolio. Quanto a Eni, per ogni cinque centesimi di variazione positiva del cambio, il gruppo ha un guadagno di circa il 5% in termini di risultato operativo (tenendo buoni i risultati e i cambi del 2013).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>