Il mercato dei cambi torna a vedere un pò di volatilità

di Carlo Valuta Commenta

Grazie alle novità promosse dalla BCE e ai dati sul mondo del lavoro statunitense è tornata un po’ di volatilità sul mercato dei cambi.

L’indice ATR – Average True Range (indicatore di analisi tecnica per la volatilità) sul grafico giornaliero del cambio euro/dollaro dopo essere sceso a testare i minimi storici ha evidenziato un leggero rialzo salendo dai 46 pips del pre-meeting dell’istituto di Francoforte ai 56 pips odierni. Ricordiamo come sia stato proprio il Governing Council a muovere un po’ i mercati valutari grazie alle proprie decisioni. In sintesi il Consiglio Direttivo ha deciso di abbassare i tassi d’interesse (refi rate dallo 0,25% allo 0,15%, quelli sui depositi dallo 0% al -0,10%) e di promuovere nuove misure di politica monetaria volte a migliorare il funzionamento del meccanismo di trasmissione della stessa PM, sostenendo il processo di erogazione del credito all’economia reale.

Con il taglio dei tassi Bce, si spera ad un aumento dell’erogazione del credito

 Nel dettaglio la BCE ha promosso un nuovo tipo di aste mirate di rifinanziamento, le TLTRO, finalizzate a migliorare l’erogazione di prestiti bancari a favore del settore privato e inoltre si è impegnata a intensificare i lavori preparatori per l’acquisto definitivo di cartolarizzazioni (ABS – Asset Backed Securities) spiega Filippo A. Diodovich Market Strategist IG Italia. Draghi nella conferenza stampa ha aggiunto che ci potrebbero essere ulteriori interventi (“we are not finished yet”).  Dopo tali scossoni la settimana corrente non è particolarmente ricca di eventi macroeconomici. Tra i piu’ importanti ricordiamo le vendite al dettaglio negli Stati Uniti e le cifre finali sull’inflazione di Eurolandia nel mese di maggio. Settimana prossima con la riunione del Board della Federal Reserve potremmo avere altri movimenti importanti sui mercati valutari soprattutto se si modificheranno le attese sul prossimo rialzo del costo del denaro negli Stati Uniti (al momento da noi previsto nel terzo trimestre 2015). Ricordiamo come nei prossimi giorni il Senato potrebbe dare la conferma alla nomina di altri membri votanti del FOMC (nuovo mandato per Lael Brainard e rinnovo del mandato per Jerome H. Powell) dopo aver già dato il via libera all’ex governatore della banca centrale israeliana Stanley Fischer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>