Attacco alla pipeline ENI

di Francesco Di Cataldo Commenta

Williams Welemu ha fatto sapere che la pipeline è stata fatta saltare in aria alle ore 21:45, ora locale Martedì 7 Dicembre..

Un oleodotto gestito da Eni SpA ( E : 42,42, 0,00, 0,00% ), unità di Agip nel Delta del Niger è stato fatto saltare Martedì e a riferirlo è un membro della comunità in cui è avvenuto l’attacco.

Williams Welemu ha fatto sapere che la pipeline è stata fatta saltare in aria alle ore 21:45, ora locale Martedì 7 Dicembre. Un portavoce di Eni ha riferito che l’azienda ha in precedenza rifiutato di commentare la minaccia di un attacco alla conduttura.



Welemu ha inoltre aggiunto a Dow Jones Newswires che era diverse settimane che i giovani locali del fronte di liberazione del Delta del Niger minacciavano di far saltare l’oleodotto: “Ho cercato di fermarli [per diverse settimane] ma non mi hanno sentito. Gli aggressori rivendicano il fatto che Agip assume pochi giovani residenti. Un militante di un’altra comunità che ha un problema con la nostra comunità è stato ingaggiato per proteggere l’oleodotto“.

I giovani protestavano anche contro l’inquinamento dalla pipeline, ha aggiunto Welemu.
Ci sono state rinnovate minacce di attacchi contro le infrastrutture petrolifere della regione petrolifera più grande dell’Africa a seguito di un esercito offensivo per schiacciare l’insurrezione dei militanti. Solamente due giorni fa si è verificato un secondo attacco da parte dei militanti indirizzato alla Nigerian National Petroleum Corp.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>