Cheuvreux rimuove dalle top pick Terna

di Alessandro Bombardieri Commenta

Terna in difficoltà...

Il decreto sulla stabilità finanziaria del Governo prevede un aumento dell’aliquota d’imposta per le utilities italiane, la cosiddetta Robin Hood tax nel 2011-2013 potrebbe passare dal 6,5% al 10,5%.

Questo per Terna vuol dire una tassa più alta del 10,5% nel periodo 2011-2013 ed una tassa permanente al 6,5%.

Cheuvreux ha così deciso di rimuovere l’azione Terna dalle sue top pick, pur mantenendo rating outperform e target price a 3,68 euro. Questa scelta è dettata dal fatto che con la nuova tassa per Terna c’è il rischio di un calo del dividendo.

L’impatto negativo secondo Cheuvreux sarebbe di circa 70 milioni di euro o del 15% sull’Eps nei primi 3 anni, di 50 milioni o del 10% circa in quelli seguenti. Siccome il payout è già molto vicino al 100%, gli esperti francesi temono che il dividendo sia a rischio dopo il 2011. Nel caso peggiore il rendimento dei dividendi potrebbe scendere da oltre il 7% al 6%.

[TARGET PRICE TERNA TAGLIATO DA NOMURA]

Cheuvreux ritiene che debba essere considerato l’aumento permanente del 6,5% cioè ritiene che la maggior parte dell’impatto debba essere recuperato con l’aumento delle tariffe e con l’aumento del rendimento consentito dal 6,9% al 7,6%.

Per gli esperti comunque la situazione sul decreto non è troppo chiara quindi la visibilità resterà scarsa fino all’approvazione del decreto stesso o del documento di consultazione successivo.

[PIANO STRATEGICO TERNA 2011-2015]

Il titolo Terna nella giornata di martedì a Piazza Affari aveva perso più del 10%, mentre ieri ha ceduto lo 0,96% a quota 2,47 euro per azione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>