Edison mira al recupero di quote di produzione

di Alessandro Bombardieri Commenta

Edison deve riconquistare l'elettricità persa...

E’ appena stato raggiunto il tanto sospirato accordo sul riassetto di Edison ma ora il gruppo deve andare alla ricerca di quote di produzione, in sostanza per recuperare l’elettricità persa.

Edison ha rinunciato a Edipower, il cui 50% andrà a Delmi nell’ambito dell’accordo tra quest’ultima ed Edf. Questa scelta però porta via ad Edison circa 3mila megawatt, che fanno scendere l’italiana a meno di 10mila, privandola del secondo posto in Italia.


Dal punto di vista della produzione infatti Edison esce penalizzata dall’accordo, di fatto il gruppo A2A-Iren-Edipower diventa il secondo produttore di energia in Italia, con circa 15mila megawatt, dietro ad Enel, che guida questa classifica con 40mila megawatt. Edison scenderà a circa 8.500 megawatt, rimanendo davanti ad Eni, ferma a 5mila megawatt.

Dunque diventa fondamentale per Edison, guidata ora dai francesi, riconquistare quote di produzione. Secondo le ultime indiscrezioni i francesi starebbero pianificando una strategia che prevede Edison attiva non solo nel gas ma anche nell’elettrico.

OPA SU EDISON

D’altro canto la nuova A2A vedrà aumentare il Mol a circa 1,16 miliardi dai 910 stimati per i 2011, per un aumento di oltre il 27%. Di riflesso si registrerà un indebitamento di 4,9 miliardi, ma con l’aumento del Mol dovrebbe scendere leggermente la leva. Inoltre i soci italiani dovranno registrare una minus-valenza da 600 milioni. Tuttavia A2A nell’immediato dovrà stilare una perizia sul valore di Edipower e risolvere la questione dell’Opa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>