Lufthansa, profit warning dopo recenti attacchi terroristici

di Carlo Valuta Commenta

L'Europa ha subito una serie di episodi che effettivamente potrebbero deprimere l’andamento delle prenotazioni.

Allarme. Lufthansa ha lanciato un profit warning successivamente a questa nuova ondata di attacchi terroristici che hanno spaventato i passeggeri, portando a una diminuzione delle stime sull’utile per l’intero esercizio.

L’Europa ha subito una serie di episodi che effettivamente potrebbero deprimere l’andamento delle prenotazioni. La scorsa settimana a Nizza un uomo alla guida di un camion ha tolto la vita a 84 persone investendo la folla in festa per il 14 Luglio. Poche settimane prima, l’aeroporto internazionale Atatürk di Istanbul è stato colpito da un attacco terroristico.

Entrambi gli incidenti sono stati collegati a sostenitori dello Stato Islamico, che ha rivendicato anche l’episodio di aggressione a colpi di ascia avvenuta questa settimana a bordo di un treno regionale in Germania. Inoltre, l’attacco terroristico di marzo all’aeroporto di Bruxelles ha costretto il vettore tedesco a rinviare il progetto di acquisizione di Brussels Airlines.

Con una dichiarazione di ieri, il colosso teutonico ha rivelato che le prenotazioni anticipate, soprattutto sulle rotte a lungo raggio verso l’Europa, “sono diminuite in modo significativo in particolare a causa dei ripetuti attacchi terroristici in Europa e dell’accresciuta incertezza politica ed economica” rispetto al contesto di marzo cui risalgono le ultime proiezioni finanziarie.

Inoltre, il consiglio “ritiene ora improbabile il raggiungimento di una ripresa completa”. Il titolo ha riportato quindi un calo del 7% nei primi scambi della giornata.

A inizio anno Lufthansa aveva già limato le previsioni sulla crescita della capacità in risposta a condizioni economiche avverse, tra cui la debolezza della domanda in America Latina. Mercoledì ha comunicato l’aspettativa di cali del profitto unitario compresi tra l’8% e il 9% per la seconda metà dell’anno. In relazione al primo semestre ha registrato un fatturato preliminare di 15 miliardi di euro, una regressione del 2,6% rispetto al 2015. Per l’intero esercizio ha preventivato una crescita della capacità del 5,4%, leggermente meno ottimista rispetto al precedente 6%.

A sua volta, Lufthansa ha abbassato le sue previsioni per l’intero anno dell’ebit rettificato, chiarendo che il parametro resterà al di sotto del precedente esercizio, a differenza del leggero miglioramento paventato in precedenza.

Nel mese di maggio anche il leader dei viaggi online Priceline Group ha rimarcato l’impatto del terrorismo sui propri risultati. “Lo sentiamo proprio”, ha ammesso l’amministratore delegato Jeffrey Boyd alla conferenza con analisti e investitori per la presentazione dell’ultima trimestrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>