Twitter, il ceo Dick Costolo lascia

di Redazione Commenta

Al suo posto, dal primo luglio, ci sarà Jack Dorsey: Dorsey è cofondatore del social network e presidente del consiglio di amministrazione.

A partire dal primo luglio di quest’anno ci sarà un importante cambio al vertice per Twitter. Dick Costolo non sarà più il ceo. Al suo posto ci sarà Jack Dorsey, cofondatore del social network e presidente del consiglio di amministrazione.

Quello di Dorsey sarà solo un interim, aspettando l’incarico alla persona che il board dell’azienda designerà prossimamente. Lo ha reso noto direttamente la compagnia, anche sul proprio social network.

All’annuncio delle dimissioni Wall Street ha brindato, con il titolo di Twitter che nel corso delle contrattazione after hours volava oltre il 10%. Costolo, 51 anni, rimarrà nel board dell’azienda, che ha guidato dall’ottobre del 2010. “Sono tremendamente fiero – ha detto Costolo – di quello che i team di Twitter hanno ottenuto nei miei sei anni nell’azienda. Abbiamo grandi leader che lavorano bene insieme e una chiara strategia. Nessuno è meglio di Dorsey per guidare la transizione”. Dorsey ha reso omaggio al ceo uscente: “Il futuro appartiene a Twitter in larga parte grazie alla visione e all’impegno di Dick Costolo”.

Anche se non è stata resa nota una motivazione ufficiale del cambio, è noto che negli ultimi mesi Costolo era stato criticato per le difficoltà di ampliare l’utenza del social network e di convincere gli investitori e Wall Street sulle strategie e le prospettive di crescita dell’azienda.

Gli anni di Costolo sono stati quelli della grande espansione di Twitter. Nato nel 2006, sotto la guida del ceo uscente la compagnia è entrata in borsa, il sito è cresciuto ed è diventato il punto di incontro e di vita di milioni di persone. Diverso da Facebook per lo stile e per l’apertura della piattaforma (contro i circoli chiusi offerti dal social di Zuckerberg), negli ultimi mesi però ha iniziato a soffrire. La crescita si è arrestata e per gli esperti e gli investitori non potrà raggiungere i livelli di Fb, che naviga a un miliardo di utenti contro i 280 di Twitter. Di più: l’uccellino è stato superato come utenti anche da Instagram, sottolineando le difficoltà del management. Non di meno, l’addio di Costolo arriva all’improvviso e in una fase in cui si rafforzano le voci di una fusione tra Twitter e Google.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>