Vantaggi della Società Benefit per l’azienda e gli stakeholders

di Redazione Commenta

Tra gli effetti della pandemia sui mercati, possiamo notare la crescente necessità di imprese sostenibili. Etica, trasparenza, responsabilità, sicurezza, tutela dell’ambiente e della salute costituiscono i principali criteri di scelta per i consumatori. In tale contesto, emerge sempre più la nuova forma di fare impresa nota come Società Benefit (SB). Sempre più imprese sono spinte a costituirsi o trasformarsi in SB puntando su un duplice obiettivo: profitto e beneficio comune.

Introdotta in Italia con la Legge n. 208/2015 in vigore dal 1° gennaio 2016, la Società Benefit svolge la sua attività con responsabilità, trasparenza e sostenibilità nel pieno rispetto dell’ambiente e della società civile.

Indubbiamente, diventare una Società Benefit apporta vantaggi a tutti: shareholders (azionisti), management, stakeholders (tutte le parti interessate).

La guida di un professionista nel percorso di sostenibilità di un’azienda Benefit facilita, migliora e velocizza la possibilità di ottenere questi vantaggi assicurando all’impresa valore aggiunto.

Quali sono i vantaggi della Società Benefit? Risponde l’avv. Barbara Pontecorvo dello Studio Legale e Tributario Tonucci&Partners.

 Bilanciamento degli interessi di shareholders e stakeholders

Le responsabilità del management vengono ridefinite perché cambia il modo di fare business. La forma di Società Benefit porta a bilanciare gli interessi finanziari e non finanziari, quelli degli shareholders (azionisti) e degli stakeholders (tutte le parti interessate tra cui clienti, fornitori, lavoratori, finanziatori, creditori, PA, società civile).

Tutto questo offre una protezione legale quando si prendono decisioni.

Possibilità di attirare capitali di investimenti e talenti

La forma giuridica di SB prevede la responsabilità dell’azienda nel perseguire le finalità for benefit indicate nello Statuto. Prevede trasparenza e sostenibilità dell’impresa, tutela legale, la redazione di una relazione annuale contenente obiettivi, attività messe in campo per raggiungerli, eventuali situazioni che impediscono o rallentano il perseguimento delle finalità di beneficio. L’impatto effettivo riscontrato nella relazione viene valutato da un ente terzo indipendente.

Tutto questo può attirare capitali di investimento ad impatto.

Le SB offrono opportunità di investimento anche per i consumatori consapevoli, attenti alla sostenibilità, alle filiere trasparenti, al commercio equo e che premiano le scelte di sostenibilità. trasparenza e responsabilità, al di là del settore in cui opera l’azienda.

La Società Benefit può attirare anche talenti Millennials (che entro il 2025 rappresenteranno il 75% della forza lavoro). Circa l’80% dei Millennials afferma che il motivo principale per cui scelgono un’azienda è dato dagli obiettivi che si pone l’impresa. La SB garantisce ai futuri talenti il suo impegno legale nel perseguire obiettivi sostenibili.

Miglioramento della reputazione

Un’azienda sostenibile che inserisce nello Statuto finalità di beneficio comune da perseguire concretamente con tanto di relazione annuale non può che far crescere la propria reputazione.

Il suo impegno non è uno slogan, fa parte della sua attività.

Il mancato conseguimento degli obiettivi da parte dell’azienda comporta sanzioni per impedire possibili strumentalizzazioni al fine di ottenere un vantaggio competitivo e reputazionale condizionando le scelte dei consumatori. Sanzioni previste dal Codice del Consumo (D.lgs. 6 settembre 2005, n. 206) e dal D.lgs. 2 agosto 2007, n. 145 (pubblicità ingannevole).

Agevolazioni fiscali

L’ultimo Decreto Rilancio (D.L. 19 maggio 2020 n. 34, art. 38-ter) riconosce il credito di imposta del 50% per le spese di costituzione o trasformazione in Società Benefit sostenute a decorrere dal 19 luglio 2020. Il Decreto Milleproroghe (Legge n. 21/2021) ha prorogato il termine per fruire di questo incentivo al 30 giugno 2021.

Inoltre, dal 2017, il Decreto Legge fiscale (art. 49 del DDL 2220) ha disposto misure per favorire l’attività delle Società Benefit nell’ambito della PA. Alle SB (ed altre imprese) che operano in modo responsabile e trasparente viene riconosciuta una premialità nei bandi pubblici.

Riguardo al Codice dei contratti pubblici, il D.lgs. n. 50/2016 ha introdotto un sistema di rating di impresa gestito dall‘ANAC con cui  si definiscono i requisiti di reputazione ed i criteri di valutazione di tutte le aziende. L’ANAC rilascia su richiesta anche una certificazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>