Acquisizione Volkswagen Italdesign Giugiaro ufficializzata

di Gianni Puglisi Commenta

Le indiscrezioni pubblicate ieri da Automotive News Europe si sono rivelate fondate, Volkswagen ha infatti annunciato ufficialmente..

Le indiscrezioni pubblicate ieri da Automotive News Europe si sono rivelate fondate, Volkswagen ha infatti annunciato ufficialmente l’acquisizione del 90,1% di Italdesign Giugiaro tramite Lamborghini Holding.

Giorgetto Giugiaro, a cui rimarrà il 9,9% dell’azienda, ha commentato la cessione spiegando che questo è un giorno epocale per lui e per suo figlio Fabrizio, da oggi Italdesign entra a far parte della grande famiglia di Volkswagen, completando così un rapporto iniziato nel ’70, quando Italdesign Giugiaro fu chiamata a disegnare la prima Golf.


Stesso entusiasmo anche da parte della casa automobilistica tedesca, l’amministratore delegato Martin Wintercorn ha sottolineato come mediante questa acquisizione Volkswagen è riuscita ad associarsi ad una delle più famose società di progettazione e design del mondo.


L’amministratore delegato della casa tedesca ha poi rassicurato tutti coloro che lavorano all’interno dell’azienda italiana affermando che non verrà operata alcuna riduzione dell’organico.

Il prezzo di questa operazione, tuttavia, non è stato rivelato, a riguardo Wintercorn si è limitato ad affermare che, come ampiamente prevedibile, si tratta di un prezzo piuttosto sostanzioso, visto che “quello che è buono vale sempre qualcosa di rilevante“.

L’acquisizione di Italdesign Giugiaro rientra nel piano con cui la casa automobilistica tedesca punta a diventare il primo produttore di automobili al mondo, l’acquisizione della società italiana servirà a creare modelli in grado di distinguersi non solo dal punto di vista delle prestazioni ma anche da quello del design.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>