La Doria pronta ad acquisire Pa.Fi.al

di Carlo Valuta Commenta

In concomitanza con il sessantesimo anno di attività la società è pronta a rilevare al 100% la holding che controlla Delfino e Althea, per rafforzarsi sul mercato europeo.

La Doria, casa di produttrice di derivati del pomodoro, succhi di frutta e legumi conservati, sta completando le operazioni per finalizzare l’acquisizione del capitale sociale del gruppo Pa.Fi.al. Quest’ultima è una società che controlla Delfino e Althea.

L’acquisizione, che cade nell’anno in cui il gruppo compie sessant’anni, configura La Doria come azienda leader nel settore della produzione di sughi pronti a marchio ‘private labels’ in Italia. Nel contempo, incrementando la propria gamma con nuovi prodotti, La Doria diventerà uno dei principali produttori europei nel comparto. Pa.Fi.al ha due stabilimenti principali: quello di Althea si trova a Parma, quello di Delfino si trova ad Acerra in provincia di Napoli.

Si tratta di un’operazione di vitale importanza. Il gruppo vuole rafforzare il suo mercato nel ‘Vecchio Continente’ per ciò che concerne i comparti di cui sopra dopo che Pa.Fi.al ha fatto registrare un 2013 molto prolifico dal punto di vista dei ricavi di vendita: tra prodotti private labels e prodotti a marchio proprio infatti, la holding che controlla Althea e Delfino ha guadagnato durante lo scorso anno ben 71,7 milioni di euro con un utile netto di 3,6 milioni di euro. Nel contempo, Pa.Fi.al vanta un ottimo livello di redditività in virtù di un ebitda dell’11,4%. Quello di La Doria si attesta all’8,2% secondo gli analisti di Banca Imi.

Gli addetti ai lavori hanno svelato tutti i dettagli dell’acquisizione:

I principali termini dell’accordo prevedono per l’operazione un corrispettivo pari a 65,2 milioni di euro, che sarà sottoposto ad un eventuale aggiustamento successivamente alla data del closing sulla base della variazione del capitale circolante e della posizione finanziaria netta al 31 ottobre. La società sarà acquistata sostanzialmente priva di debito (al 30 giugno di quest’anno la posizione finanziaria era pari a -1,9 milioni di euro). L’acquisizione sarà finanziata per un importo pari a circa il 40% dell’esborso complessivo attingendo dalla liquidità aziendale e per il restante ammontare mediante un finanziamento bancario concesso da Intesa Sanpaolo. E’ previsto che l’operazione venga perfezionata entro la fine del mese di novembre.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>