Fiat vuole salire al 54% di Chrysler

di Redazione Commenta

Fiat ha intenzione di acquisire le quote del Governo Usa e canadese...

Solo ieri abbiamo parlato della possibilità per Fiat di salire fino al 51% di Chrysler, ma le ultime indiscrezioni sostengono che il gruppo del Lingotto ha intenzione di salire fino al 54% del gruppo americano.

La quota di Fiat potrebbe salire in totale dell’8,3%, fino al 54,3%, grazie alle acquisizioni delle quote detenute dal Governo Usa e da quello canadese. Automotive News riporta la notizia secondo cui Fiat vorrebbe esercitare l’opzione per acquistare le quote già entro luglio.

Tuttavia formalmente la call option è disponibile solo per la quota degli Usa e il prezzo andrà deciso tra le parti.

Mediobanca, che sul titolo Fiat tiene rating outperform e target price a 11,8 euro, sostiene che il mercato sta iniziando a realizzare l’impatto positivo su Eps e P/E del consolidamento di Chrysler oltre a quello legato a nuovi modelli come Fiat Freemont e Lancia Ypsilon.

Kepler, che sul titolo ha rating buy e target a 8,8 euro, crede che l’acquisizione delle nuove quote potrebbe avvenire ad un prezzo sensibilmente inferiore al valore di Chrysler dopo l’Ipo, inoltre crede che Fiat possa arrivare al 60% di Chrysler entro la fine dell’anno.

Secondo Intermonte (neutral e target a 7,50 euro), considerando lo stesso prezzo di esercizio della incremental call option sul 16%, Fiat dovrebbe sborsare 660 milioni di dollari. Per Unicredit (buy e target a 9,10 euro) a Fiat l’acquisto della quota del governo Usa costerebbe 475 milioni di dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>