In miglioramento il settore assicurativo. Fitch promuone l’Italia

di Carlo Valuta Commenta

Va ricordato che Fitch in aprile, aveva rivisto l’outlook del debito pubblico italiano alzandone la valutazione da negativo a stabile e quindi oggi ha incluso questo giudizio nelle partecipazioni in titoli di stato detenute dalle compagnie

Il settore assicurativo italiano fa parte di uno dei settori di Borsa che ha sofferto di più dall’inizio dell’anno in Piazza Affari con una perdita dell’indice pari al 10%. Ma adesso, per il settore assicurativo italiano, potrebbe cominciare il percorso di recupero.
L’agenzia di rating Fitch ha difatti alzato l’outlook sull’intero comparto italiano delle polizze dopo la pubblicazione delle trimestrali portandolo da negativo a stabile. Tanti  i fattori che hanno contribuito a questo cambio di giudizio sul comparto delle compagnie di assicurazione anche se due fattori sono stati i più importanti.

Il primo è inerente ai risultati di bilancio del primo semestre che, nel totale, si sono rivelati migliori delle attese sia in termini di risultati già ottenuti nei primi 6 mesi di quest’anno che, particolarmente, in termini prospettici per i prossimi 12-24 mesi.

La crisi Russia-Europa, mette in difficoltà gli investitori

Il secondo elemento che gli economisti di Fitch hanno valutato in modo positivo è l’importante quota in titoli di stato italiani detenuti dalle società di assicurazioni italiane: in aprile, va ricordato che Fitch aveva rivisto l’outlook del debito pubblico italiano alzandone la valutazione da negativo a stabile e quindi oggi ha incluso questo giudizio nelle partecipazioni in titoli di stato detenute dalle compagnie.

L’upgrade del giudizio di Fitch pone una luce positiva sul comparto assicurativo italiano quotato in Borsa con titoli, come Generali, Unipol, UnipolSai, Cattolica assicurazioni, Mediolanum, Vittoria assicurazioni, che ostentano valutazioni importanti principalmente in ottica di investimento di medio periodo: il consiglio è quello però di valutare con molta attenzione su quali indirizzarsi, in caso di fai da te, oppure, in alternativa, di puntare su un buon fondo azionario del comparto finanziario che diversifica una parte del portafoglio anche in titoli del settore assicurativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>