La befana porta bene al dollaro

di Francesco Di Cataldo Commenta

La giornata di oggi potrebbe essere molto interessante con movimenti di rilievo dopo la pubblicazione delle..

Il dollaro ha guadagnato ieri nei confronti dell’Euro, del franco svizzero e dello Yen ma ha perso nei confronti del GBP. Una serie di elementi possono aver contribuito a questo rafforzamento del USD e tra questi va enunciato un piano fiscale di 300 miliardi di USD annunciato dal presidente eletto Obama che va inserito nel piano da 775 miliardi di USD previsto precedentemente.

La recessione non da ancora segnali di rallentamento e questa situazione di crisi iniziata dal Dicembre 2007 sembra che si prolungherá per buona parte del 2009. La giornata di oggi potrebbe essere molto interessante con movimenti di rilievo dopo la pubblicazione delle condizioni del settore non manifatturiero.

Questo dato é di importanza elevata poiche rappresenta il 70% dell’attivita economica degli USA e include il settore finanziario, I servizi ed il dettaglio.


Il dato dovrebbe calare ulteriormente rispetto all’ultima rilevazione ma dovrebbe dare un’idea sullo stato delle cose. Un risultato peggiore del previsto potrebbe influenzare negativamente il USD poiché non sarebbero da escludere ulteriori interventi da parte della FED con l’acquisto di titoli del Tesoro long term.

La fase di accumulazione dell’euro/dollaro della settimana passata si é risolta con la rottura nella mattinata di ieri dei valori che avevamo comunicato ed ha fatto si che si verificasse una pesante caduta. Questi movimenti si stanno compiendo sulla base delle aumentate speculazioni relativamente al taglio dei tassi nella riunione del 15 Gennaio. Lucas Papademos, membro della BCE, ha affermato al quotidiano Wirtschafts Woche di non escludere nuovi abbassamenti dei tassi se la congiuntura dovesse continare a peggiorare e dice di valutare che se i rischi di instabilitá dei prezzi aumentassero potrebbero essere intrapresi nuovi interventi per ammorbidire la politica monetaria.


Attualmente sta ancora continuando la caduta dell’Euro/dollaro e nella giornata di oggi sará importante vedere i dati relativi all’inflazione con le conseguenti riflessioni che porteranno riguardo ad ulteriori tagli che potrebbero verificarsi nelle prossime settimane. Consigliamo quindi di monitorare la comunicazione del dato.

Il GBP sta vivendo ancora delle speculazioni sulle decisioni della Banca d’Inghilterra che ha comunicato di considerare anche ulteriori interventi per risolvere questa crisi tramite l’acquisto di titoli non liquidi. La possibilitá che ci siano ulteriori discese sará legata alla decisione sui tassi che sará presa il giorno 8 di Gennaio. I tassi dovrebbero essere tagliati di 50 punti anche se alcuni indici quotano un taglio di soli 25 punti base.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>