Quorum del referendum 2011 condiziona la Borsa Italiana

di Francesco Di Cataldo Commenta

Nella giornata di oggi gli scambi a Piazza Affari risultano essere bassi, ma è probabile che molti investitori abbiano deciso di aspettare i risultati o quantomeno l'esito del referendum del 12 e 13 Giugno 2011..

Nella giornata di oggi gli scambi a Piazza Affari risultano essere bassi, ma è probabile che molti investitori abbiano deciso di aspettare i risultati o quantomeno l’esito del referendum del 12 e 13 Giugno 2011.

In effetti il risultato del referendum potrebbe condizionare l’andamento di alcuni titoli legati proprio ai quesiti proposti e nella mattinata di oggi infatti spicca l’ottimismo verso Enel Green Power, azienda controllata da Enel attiva nella realizzazione di impianti di energia alternativa e rinnovabile, che sta guadagnando l’1,15% apprezzandosi e portandosi 1,938 euro per azione.



L’ultimo dato disponibile sulla situazione referendaria mostra il quorum molto vicino superando il 41% e questo è un dato decisamente positivo poichè è dal 2003 che non passano i referendum e la colpa in genere è da ricercarsi nei politici italiani che spingono i propri elettori a recarsi o a non recarsi alle urne con lo scopo di far cadere il referendum cercando di non far raggiungere il quorum del 50% + 1.

Se si dovesse raggiungere il quorum il risultato è quasi scontato e dovrebbe vincere il SI in grado di far abrogare le 4 leggi e dal punto di vista borsistico gli occhi sono puntati sulla società Acque Potabili S.p.A. che nella mattinata sta perdendo parecchio terreno e la variazione percentuale è negativa per 5,11 punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>