Banca Nazionale Svizzera prende provvedimenti per salvare il franco

di Redazione Commenta

La Banca Nazionale Svizzera potrebbe adottare seri provvedimenti per salvare il franco dalla speculazione.

La Banca Nazionale Svizzera, riunita in seduta comune stamane, avrebbe dettato la linea da adottare nel caso in cui la speculazione e la sopravvalutazione del franco svizzero dovessero continuare in maniera indiscriminata così come verificatosi in questi ultimi mesi.

LA BANCA CENTRALE SVIZZERA POTREBBE ANCORARE IL FRANCO ALL’EURO

In periodi di instabilità e di marcata volatilità, simili a quelli che stiamo affrontando a livello internazionale e locale, molti investitori cercano di acquistare, vendere, scambiare, grossi volumi delle valute più interessanti, delle cosiddette valute rifugio.

I rischi connessi a una tale forma di investimento sono molti, si sa, e sono accresciuti dal cosiddetto rischio cambio che potrebbe vanificare una strategia altrimenti perfetta.

Quest’ultima preoccupazione, però, è annullata dalla concretezza e dalla solidità dei Paesi emittenti codeste valute come Svizzera, Norvegia, Svezia.

BANCA CENTRALE SVIZZERA INTERVIENE PER FRENARE IL FRANCO

Ciò, però, non ha certo giovato all’economia svizzera, colpita da un innaturale interesse nei confronti della propria valuta e che, dunque, è stata costretta a correre i ripari, i quali sarebbero stati dettati dalla riunione odierna. I punti all’ordine del giorno sarebbero 4:

– tasso Libor a tre mesi fermo allo 0%

– tasso di cambio euro/franco fermo al di sopra di 1,2 franchi svizzeri (confermando quanto affermato il 6 settembre 2011)

– acquisti illimitati di valuta straniera per regolarizzare la situazione

– mantenimento dei depositi a vista superiori ai 200 miliardi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>