Fiat fa meglio del mercato

di Francesco Di Cataldo Commenta

Fiat ha inoltre mantenuto la sua quota di mercato stabilmente sopra il 30%, giungendo vicino a un terzo del totale..

Durante il mese di giugno le immatricolazioni di autoveicoli in Italia sono diminuite di ben il 19,5%: un calo vistoso, che ha avuto i suoi riflessi sui ricavi di tutte le principali marche internazionali.

La diminuzione di quasi il 20% rispetto al numero delle immatricolazioni conseguito durante lo stesso mese dello scorso anno è inoltre un dato notevolmente peggiore rispetto alle stime degli analisti, e rispetto anche ai dati provvisori diffusi la scorsa settimana.

Una così forte contrazione del mercato, seppur attesa, ha minacciato anche i conti di periodo di Fiat: la compagnia torinese ha avuto un declino delle immatricolazioni pari al 16,5%. Un decremento piuttosto ingente, che però ha posto la società italiana in una posizione di primo piano rispetto al cattivo andamento del mercato.



Fiat ha inoltre mantenuto la sua quota di mercato stabilmente sopra il 30%, giungendo vicino a un terzo del totale. In virtù di queste notizie, non certo buone ma sicuramente migliori di quelle provenienti dai concorrenti principali, le azioni della compagnia hanno ritrovato il sorriso a Piazza Affari.

Roberto Rais

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>