Utile Fininvest (Berlusconi) azzerato dalle svalutazioni

di Redazione Commenta

Fininvest, holding della famiglia Berlusconi, ha archiviato il 2011 con l’utile praticamente azzerato. Rispetto ai 160 milioni di euro di profitti generati nel 2010, Fininvest si ritrova con un utile di appena 7,5 milioni di euro

Fininvest, holding della famiglia Berlusconi, ha archiviato il 2011 con l’utile praticamente azzerato. Rispetto ai 160 milioni di euro di profitti generati nel 2010, Fininvest si ritrova con un utile di appena 7,5 milioni di euro a causa delle pesanti svalutazioni dovute soprattutto alle rettifiche sui bond greci e per la partecipazione in Mediobanca. L’impero di Silvio Berlusconi e figli ha subito una pesante battuta d’arresto e per il secondo anno consecutivo avverrà una rinuncia al dividendo. Fininvest controlla il gruppo Mediaset, Mondadori, il Milan e ha grandi partecipazioni in Mediolanum (35%) e Mediobanca.

Nonostante la grave crisi economica, Fininvest resta tra le holding più patrimonializzate in Italia (5,7miliardi di euro) e in grado di generare sempre 1,5 miliardi di cash flow. Il gruppo non ha intenzione di restare sulla difensiva, anzi rilancia con investimenti per 2 miliardi di euro mentre grand parte delle aziende italiane tagliano gli investimenti e liquidano gli asset per fare cassa.

TITOLO MEDIASET PUO’ SCENDERE SOTTO 1€

A causa della normativa sui doppi incarichi, Pier Silvio Berlusconi uscirà dal board e sarà sostituito da Luigi Berlusconi, che ha anche una certa propensione per il settore finanziario avendo già fatto parte del board di Mediolanum. Entreranno nel cda anche Maurizio Costa, ad di Mondadori, e Danilo Pellegrino, direttore generale di Fininvest.

ITALIA IN RECESSIONE NEL PRIMO TRIMESTRE 2012

Sul bilancio Fininvest hanno pesato anche i 546 milioni di euro pagati per il Lodo Mondadori, portando tra l’altro l’indebitamento sopra 2 miliardi da 1,35 miliardi dell’anno precedente. L’A.C. Milan, poi, ha perso 69 milioni di euro, mentre le rettifiche per i bond greci detenuti da Mediolanum sono state pari a 30,5 milioni. La partecipazione in Mediobanca è costata altri 60 milioni di write-off.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>