La forza dello yen trascina al ribasso gli indici asiatici

by Redazione Commenta

Seconda chiusura consecutiva in netto ribasso per la Borsa di Tokio...

Seconda chiusura consecutiva in netto ribasso per la Borsa di Tokio, l’indice Nikkei ha chiuso la seduta lasciando sul campo il 2,5% a quota 10.009,52 punti, ed il motivo principale del calo continuo delle borse asiatiche è da ritrovare nella forza dello yen sul dollaro, che aumenta le difficoltà di esportazione.

Il rapporto dollaro-yen è ora di 89,26 con la moneta americana che ha toccato i minimi da sei mesi a questa parte.

Hirohisa Fujii, ministro delle Finanze giapponesi, continua a ribadire la sua volontà di non volere intervenire sul tasso dei cambi dello yen, definendo un errore influenzare artificialmente i cambi delle monete.

Come detto è un crollo generalizzato delle piazze orientali, perdono molto terreno tutte, da Sydney a Shangai: l’indice Msci Asia Pacifico ha perso il 2% in sei settimane, dopo che precedentemente aveva recuperato il 60% dal 9 marzo.

I titoli che maggiormente sono stati influenzati in negativo da questo calo dei listini asiatici sono Honda Motors che ha perso il 5%, a causa del suo bacino di utenza che è del 47% in Nord America, ed il cambio non di certo favorevole per gli Usa non aiuta le vendite di auto.

Rimanendo nel settore auto sono andati male anche i titoli di Mazda Motor (-6,67%), Nissan (-5,07%) e Toyota (-3,77%). Molto male anche i titoli tecnologici: Sanyo (-6,44%), Nikon (-5,75%), Toshiba (-5,6%),Sharp (-4,1%) e Panasonic (-4,03%).

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>