Fiat Chrysler Automobiles registra una crescita nella vendita di veicoli

di Carlo Valuta Commenta

Giugno positivo per Fiat Chrysler Automobiles: le immatricolazioni nel mese sono state più di 74 mila, in crescita del 6,9 per cento rispetto all’anno scorso e del 3,1 per cento nel confronto con maggio 2014.

La quota di giugno è stata del 6 per cento, era del 5,9 per cento un anno fa. Le vendite di FCA a giugno sono in crescita in tutti i principali mercati europei riporta Fta On line. Oltre al +3,1 per cento in Italia, le immatricolazioni sono aumentate in Germania (+14,1 per cento in un mercato in calo dell’1,9 per cento), in Francia (+1,2 per cento), nel Regno Unito (+16,2 per cento a fronte di un incremento del mercato del 6,2 per cento) e soprattutto in Spagna dove in un mercato che ha registrato una crescita delle vendite del 23,8 per cento, Fiat Chrysler Automobiles ha aumentato le immatricolazioni del 55,8 per cento e ha ottenuto una quota del 5,4 per cento, 1,1 punti percentuali in più rispetto all’anno scorso.

Fiat, il primo agosto si ufficializzerà il passaggio a Fca

 

Nei primi sei mesi del 2014 FCA ha registrato quasi 420 mila vetture, il 2,3 per cento in più rispetto allo stesso periodo del 2013 e la quota è stata del 6,1 per cento, era il 6,4 per cento un anno fa. Il marchio Fiat in giugno ha immatricolato oltre 57.500 vetture, il 5,5 per cento in più nel confronto con lo stesso mese del 2013. La quota è stata del 4,7 per cento, era del 4,6 per cento un anno fa. Nell’Europa dei 28 più le nazioni aderenti all’EFTA sono state 1 milione 230 mila le immatricolazioni a giugno, con una crescita rispetto all’anno scorso del 4,3 per cento. Nel progressivo annuo le registrazioni sono state quasi 6 milioni 852 mila, il 6,2 per cento in più nel confronto con lo stesso periodo del 2013. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>