Generali Assicurazioni rating A confermato da S&P

di ND82 Commenta

Buone notizie per il gruppo Generali Assicurazioni, che ieri ha ottenuto la conferma del rating A da parte di Standard & Poor’s. Nessun downgrade all’orizzonte, anzi l’agenzia di rating ha deciso di togliere il creditwatch negativo che il Leone di Trieste stava ormai sopportando da tempo

Buone notizie per il gruppo Generali Assicurazioni, che ieri ha ottenuto la conferma del rating A da parte di Standard & Poor’s. Nessun downgrade all’orizzonte, anzi l’agenzia di rating ha deciso di togliere il creditwatch negativo che il Leone di Trieste stava ormai sopportando da tempo. A Piazza Affari le azioni della compagnia assicurativa triestina hanno chiuso con un ribasso dell’1,13% a 13,99 euro. Dieci giorni fa le azioni Generali Assicurazioni avevano toccato il massimo più alto da giugno 2011 a 14,65 euro.

Secondo il giudizio assegnato da Standard & Poor’s, il rating di Generali è due notch sopra quello dell’Italia anche se il merito di credito resta sempre sotto outlook negativo. Gli analisti finanziari di S&P hanno dichiarato che l’attuale livello di giudizio è la conseguenza dell’elevata “diversificazione internazionale” e delle “forti posizioni di mercato in paesi europei ad alto rating”.

GENERALI ASSICURAZIONI CONFERMA OFFERTE PER BSI E ATTIVITA’ USA

L’agenzia di rating ha sottolineato che il top management di Generali, guidato dal ceo group Mario Greco, è focalizzato nel miglioramento della qualità del patrimonio allo scopo di renderlo sempre più adeguato in rapporto al suo profilo di rischio. Inoltre, gli esperti di S&P evidenziano che tra i prossimi obiettivi del leone di Trieste c’è la volontà di “incrementare significativamente i profitti nel 2013 e nel 2014”.

GENERALI ASSICURAZIONI: OFFERTA DA BANCA SAFRA PER BSI

L’outlook sul rating resta però negativo. La motivazione risiede nel “rischio nel completamento del processo pianificato di vendita di alcuni asset e nel raggiungimento dei target previsti di redditività”. Secondo Mario Greco, la conferma del rating A evidenzia come negli ultimi mesi sia stato fatto un ottimo lavoro e che ora le prospettive sono molto più rosee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>