Small cap italiane in grande forma

di Redazione Commenta

Le mid e small cap del 2010 sono in larga parte aziende che sono riuscite a reagire molto bene alla crisi economica...

Molto spesso si sente dire che il mercato italiano è basato in larga parte sulla speculazione e che tiene poco conto dei fondamentali, soprattutto per quanto riguarda le società a medio-bassa capitalizzazione.

Questa tesi non è nemmeno del tutto errata, però è valida principalmente nei periodi di trend ben definiti al rialzo o al ribasso, e non nei periodi come quello attuale di tendenza laterale, o comunque molto incerta.

In casi come quello attuale si nota che il mercato italiano è molto bravo anche a fare il cosiddetto stock picking, che va chiaramente a privilegiare le società con migliori fondamentali.

Le mid e small cap del 2010 sono in larga parte aziende che sono riuscite a reagire molto bene alla crisi economica, e che hanno già mostrato questo recupero nei bilanci trimestrali e semestrali.

Gli esperti ovviamente consigliano di puntare sui titoli di queste società anche nei prossimi mesi, tenendo però conto che sarà presente una forte volatilità delle quotazioni.

Finora il mercato ha premiato il settore farmaceutico, nel quale si sono messe in luce Diasorin, Recordati e Sorin. L’andamento delle medie aziende nel settore del lusso, come per esempio Yoox e Tod’s, è migliorato molto rispetto alle società del settore presenti nel Ftse Mib.

Altre ottime prestazioni sono quelle di Piaggio, e della Datalogic, diventata famosa ultimamente per aver fornito all’aeroporto di Fiumicino 30 scanner per la lettura dei codici a barre applicati sui bagagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>