Borse europee temono ulteriore rallentamento economia globale

di Carlo Valuta Commenta

A livello globale, la creazione di posti di lavoro frena e sale l'attesa per il rapporto sull'occupazione negli Stati Uniti: il dato definitivo di aprile sarà diffuso nella giornata di venerdì, ma ieri i nuovi occupati nel comparto privato hanno deluso le aspettative.

La ripresa rischia di impantanarsi. La Commissione europea è stata, martedì scorso, solo l’ultima in ordine di tempo a tenere conto della situazione,tagliando le previsioni per tutto il Vecchio continente compresa l’Italia. E anche la Bce ha rinnovato i timori per una frenata. A ben vedere, la situazione si è fatta più critica da un po’ di tempo.

borse mondiali
borse mondiali

A livello globale, la creazione di posti di lavoro frena e sale l’attesa per il rapporto sull’occupazione negli Stati Uniti: il dato definitivo di aprile sarà diffuso nella giornata di venerdì, ma ieri i nuovi occupati nel comparto privato hanno deluso le aspettative.

Si tratta di un momento complicato, quindi, al quale i mercati azionari non riescono a restare indifferenti.

Malgrado lo scenario rimanga incerta, Piazza Affari rimbalza dell’1,5%, Londra recupera lo 0,5%, Francoforte lo 0,8%, e Parigi lo 0,5%. L’euro è stabile a 1,1455 dollari e 122,8. Invariato anche lo spread, la differenza di rendimento, tra Btp e Bund a quota 130 punti base: sul mercato secondario il titolo decennale italiano è scambiato a un tasso dell’1,50%.

Dopo aver rimbalzato dai livelli di febbraio, quando si toccò il punto più basso degli ultimi anni a seguito delle turbolenze di inizio 2016, nelle ultime due settimane i listini sono tornati a trattare all’insegna dell’incertezza, orientati alla debolezza sia dai report macro-economici sia dai risultati finanziari delle aziende quotate. L’indice Pmi composto della Cina elaborato da Caixin Media e Markit Economics ha segnato una battuta d’arresto ad aprile, scendendo dal 51,3 di marzo a 50,8. In flessione, secondo quanto riporta Bloomberg, anche l’indice Pmi dei servizi, in calo da 52,2 a 51,8. NegliStati Uniti, invece la creazione di posti di lavoro nel settore privato è stata la più bassa dall’aprile 2013: 156mila contro gli attesi 196mila. Difficile, a questo punto, che la Federal Reserve decida di accelerare sulla stretta dei tassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>