Pininfarina, il titolo crolla in Borsa

di Gianni Puglisi Commenta

Mahindra resta alla finestra.

Il titolo Pininfarina prima sale e poi cade vertiginosamente a Piazza Affari a seguito della conferma dell’azionista Pincar di un interesse da parte degli indiani di Mahindra, malgrado ancora non sia stato concluso un accordo vincolante sull’acquisto della società.

Pur in presenza di un interesse manifestato da Mahindra&Mahindra non esistono infatti accordi vincolanti di qualsiasi natura tra le parti che prefigurino una operazione di acquisto” della società.

Pincar rammenta che fin dalla prima ristrutturazione del debito nel 2008 le azioni Pininfarina in suo possesso sono state oggetto di pegno a favore delle banche finanziatrici che supportarono l’operazione. Gli accordi, spiega poi, prevedono che l’eventuale cessione della partecipazione in Pininfarina, anche nell’interesse di quest’ultima, come traguardo del processo di ristrutturazione e la definitiva messa in sicurezza del gruppo sotto il profilo patrimoniale.

Come stanno le cose? Osserviamole nel dettaglio:

Da tempo Pincar, evidenzia poi la società che stando agli ultimi aggiornamenti Consob detiene il 76% di Pininfarina, “ha valutato diverse opzioni tutte volte al supporto e allo sviluppo del piano industriale di Pininfarina tra cui una eventuale cessione della sua quota azionaria”. Pincar, che segnala come Mahindra sia uno dei più importanti clienti di Pininfarina, ricorda comunque che un’eventuale cessione della controllata necessiterebbe anche dell’approvazione di tutti i 13 gruppi bancari creditori e pignoratizi delle sue azioni in Pininfarina.

L’azionista di controllo, Pincar, conferma pertanto il forte interesse da parte degli indiani facenti capo al brand Mahindra. Tuttavia, spiega a chiare lettere che non è stato concluso ancora alcun accordo vincolante sull’acquisto della società. Nei prossimi giorni, presumibilmente a partire da lunedì, dovremmo saperne di più.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>