Per Wall Street si prevede una situazione calma mentre il Nasdaq supera per la prima volta la quota 4 mila

di Carlo Valuta Commenta

La Borsa di Wall Street non sembra annunciare situazioni di particolare effervescenza per oggi. Da domani inizia il ponte del Thanksgiving day con i mercati finanziari che saranno chiusi. La situazione è quindi di attesa di momenti migliori, anche perché si attende la pubblicazione dei dati macroeconomici. La diminuzione della fiducia dei consumatori per il mese di novembre è un elemento che potrebbe raffreddare gli entusiasmi e portare Wall Street a frenare dopo un periodo di crescita.

Negli Stati Uniti si attende anche il dato sulla richiesta di sussidi di disoccupazione. Le previsioni sono di una leggera crescita, e questo è un elemento che renderebbe sempre meno probabile l’anticipo da parte della Federal Reserve del tapering a dicembre.

Wall Street regge grazie ai dati sul settore immobiliare che diminuiscono l’effetto dei dati sulla fiducia dei consumatori. L’indice S&P Case-Shiller che riguarda i prezzi delle case nelle 20 città americane più importanti a settembre ha fatto registrare una crescita del 13,3%. L’indice Dow Jones è invariato a 16.072,80 punti, l’indice S&P 500 è in rialzo dello 0,15% e il Nasdaq dello 0,58% arrivando a 4.017,75 punti. Il Nasdaq supera quindi la soglia dei 4 mila punti che non si registrava dal 1995.

Per quanto riguarda i titoli, Tiffany ha fatto registrare un +8,68% e ha chiuso il terzo trimestre con un utile di 94,6 milioni di dollari. La crescita del gruppo che fa parte del settore del lusso è del 50% rispetto ad un anno fa.

Nelle ultime settimane il protagonista di Wall Street è stato il Dow Jones che ha ritoccato i suoi record con sessioni al rialzo. Oggi il protagonista è però il Nasdaq, che riguarda i titoli tecnologici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>