Possibili soluzioni per eliminare gli squilibri valutari

di Stefania Russo Commenta

La guerra delle valute derivante dall'incapacità del sistema monetario internazionale di correggere gli squilibri della bilancia dei pagamenti..

La guerra delle valute derivante dall’incapacità del sistema monetario internazionale di correggere gli squilibri della bilancia dei pagamenti rende assolutamente necessaria una strategia che metta fine a questa situazione. Mentre i rappresentati dei 20 paesi che si sono riuniti al G20 tenutosi in Corea del Sud assicurano di essersi impegnati ad evitare svalutazioni competitive, gli esperti ipotizzano quattro diverse soluzioni per risolvere la situazione.

La prima soluzione ipotizza semplicemente una maggiore flessibilità dei tassi cambio, lasciando ai mercati il compito di trovare un punto di equilibrio. In questo caso il dollaro dovrebbe deprezzarsi raggiungendo livelli record mentre l’euro si rivaluterebbe, a svantaggio però del comparto industriale del vecchio continente e a vantaggio di quello del nuovo continente.


La seconda alternativa prevede l’imposizione di una tassa sugli squilibri di conto corrente, tuttavia si tratta di un’ipotesi alquanto improbabile in quanto prima che venga varata questa tassa bisognerebbe riuscire a sottoscrivere un accordo comune, cosa per niente semplice, nonché decidere quale sia l’organo che debba imporla e come questi soldi debbano essere spesi.

La terza soluzione prevede che i paesi eccedentari, in presenza di un’economia stagnante, dovrebbero sostenere la domanda mondiale mentre in presenza di inflazione mondiale i paesi deficit dovrebbero ridurre la domanda, una soluzione che dovrebbe consentire di operare aggiustamenti esterni senza che si vadano a verificare rilevanti variazioni dei tassi di cambio.

La quarta soluzione, invece, cerca di risolvere il problema all’origine, proponendo una moneta sovranazionale che vada a sostituire il dollaro, dato che ultimamente si fa difficoltà ad identificarlo come moneta dominante. Questo tipo di moneta deve nascere da un accordo cooperativo tra i paesi che esprimono monete dominanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>