Enel lancia bond ibrido in euro e sterline per 1,7 miliardi

di ND82 Commenta

Il gruppo Enel ha lanciato ieri sera sui mercati internazionali un bond ibrido destinato a investitori internazionali. L’emissione obbligazionaria prevede prestiti multi-tranche non convertibili sotto forma di titoli subordinati ibridi con durata media di circa 60 anni

 Il gruppo Enel ha lanciato ieri sera sui mercati internazionali un bond ibrido destinato a investitori internazionali. L’emissione obbligazionaria del colosso elettrico italiano, guidato dall’ad Fulvio Conti, prevede prestiti multi-tranche non convertibili sotto forma di titoli subordinati ibridi con durata media di circa 60 anni. Il bond è denominato in euro e sterline. Il controvalore dell’operazione si aggira intorno a 1,7 miliardi di euro. A Piazza Affari le azioni Enel sono in calo, in linea con l’andamento dell’indice azionario FTSE MIB. Il titolo perde l’1,1% a 2,528 euro.

Al momento il titolo Enel è sui minimi di giornata. Ieri aveva chiuso la giornata con un progresso dello 0,31% a 2,556 euro (leggi anche Investimento su azioni Enel sconsigliato da Jp Morgan). Secondo quanto dichiarato dai vertici Enel, l’emissione obbligazionaria rientrerebbe nel programma di rafforzamento della struttura finanziaria e patrimoniale, secondo quanto previsto dal piano industriale comunicato a metà marzo scorso. L’operazione è strutturata in due tranche. Saranno emessi bond per 1,25 miliardi di euro, con scadenza 10 gennaio 2074, a un prezzo di 98,956.

La cedola è fissa, pari al 6,5% annuo fino alla prima data di rimborso anticipato prevista per il 10 gennaio 2019. A partire da questa data e fino alla scadenza, il tasso applicato al bond sarà pari all’Euro Swap Rate a 5 anni maggiorato con uno spread di 524,2 punti, oltre a un successivo incremento del tasso di interesse di 25 bp dal 10 gennaio 2024 e di 75 bp dal 10 gennaio 2039.

La seconda tranche prevede l’emissione di un bond da 400 milioni di sterline, scadenza 10 settembre 2075, con prezzo di emissione a 98,698. La cedola è fissa e pari al 7,75% annuo, fino alla prima data di rimborso anticipato prevista per il 10 settembre 2020. Da questa data e fino alla scadenza il tasso applicato sarà pari al GBPSwap Rate a 5 anni, magggiorato di uno spread di 566,2 punti base, oltre a un successivo aumento del tasso di 25 bp dal 10 settembre 2025 e di altri 75 bp dal 10 settembre 2040. Nei prossimi giorni i bond saranno quotati alla borsa di Dublino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>