Investire in arte

di Stefania Russo Commenta

Sono in molti a scegliere di diversificare il proprio portafoglio finanziario scegliendo di investire in opere d'arte, antiche e moderne, o beni..

Sono in molti a voler diversificare il proprio portafoglio finanziario scegliendo di investire in opere d’arte, antiche e moderne, o in beni rifugio, ossia gioielli, monete antiche e orologi. L’aspetto positivo di questo tipo di investimento è senza dubbio la possibilità di ottenere una grande rivalutazione economica nel caso in cui si ha la fortuna o l’abilità di scegliere l’oggetto giusto, si tratta inoltre di investimenti che garantiscono una certa stabilità.

L’aspetto negativo è che i profitti arrivano solo nel momento in cui si sceglie di vendere, non ci sono infatti delle cedole fisse come accade invece per un titolo obbligazionario, inoltre rivendere il bene non è semplice come acquistarlo.


Un altro aspetto positivo di questo tipo di investimento è senza dubbio il fatto che si tratta di un settore che si muove in maniera del tutto indipendente e che è in grado di autoregolamentarsi mantenedosi così lontano dalle turbolenze del mondo finanziario.


Per il 2010 gli esperti prevedono una decisa tendenza a salire per tutte le opere di una certa qualità, ossia una valenza storica piuttosto elevata, una certa qualità esecutiva, un perfetto stato di conservazione e autorevolezza della provenienza. Al contrario non è ipotizzato, a breve, un rialzo del valore delle opere contemporanee appartenenti a delle scuole che non hanno ancora acquistato una certa importanza.

Per chi desidera tentare questo tipo di investimento gli esperti di CorrierEconomia offrono diversi consigli a seconda del budget che si vuole spendere, in particolare per investimenti da 5 a 50 mila euro il consiglio è quello di scegliere autori non conosciuti ma considerati emergenti, opure di optare per orologi da polso o pietre preziose.

Se il biudget è compreso tra i 50 mila e i 250 mila euro allora si consigliano capolavori della pittura europea dell’Ottocento, oppure capolavori italiani degli anni Sessanta e Settanta, in alternativa si possono scegliere orologi antichi o manoscritti. Per investimenti da 250 mila a 1 milione di euro il consiglio è di puntare a piccoli capolavori dell’alto antiquariato o della pittura antica, oppure a qualche dipinto italiano del Novecento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>