Le correlazioni tra i mercati finanziari

di Carlo Valuta Commenta

In relazione alle intersezioni nel momento in cui si fa analisi intermarket S&P500, Dax, FTSE Mib e Nikkei sono i quattro benchmark di mercato ai quali per lo più vengono valutati nel loro complesso.Il primo è senza dubbio il benchmark globale in quanto rappresentativo delle più importanti maggiori 500 aziende statunitensi e “guida” le dinamiche di prezzo del mercato azionario. Ebbene, la difficoltà a compiere nuovi massimi in questi giorni di contrattazione è uno di quei segnali che lascia riflettere circa la regolarità del percorso rialzista del prezzo anche se va detto che da un punto di vista di escursione di prezzo siamo ben lungi dal poter considerare quello attuale un vero ritracciamento.

Rame, in particolare evidenza c’è la domanda in arrivo dalla Cina

Vero è che in ottica intraday il cedimento di area 1.867/70 è stato significativo e potrebbe aprire la strada verso il raggiungimento di 1.857 in primo luogo ed area 1.845 in secondo spiega Davide Marone di Daily Fx. Condizioni strutturali per un cambio di tendenza? Continuiamo ad essere piuttosto scettici: eccessi di offerta clamorosi ancora non si palesano, le condizioni di liquidità del mercato restano anomale e le aspettative in materia di tassi sono ben ancorate e scontate nei prezzi.

Crisi economica, si torna ad investire su asset più rischiosi

La parziale decorrelazione che stiamo però apprezzando con l’altro riferimento americano e globale, il Dow Jones, può comunque gettare un piccolo campanello di allarme in quanto quest’ultimo non ha fatto registrare nuovi massimi e denota segnali di “debolezza” intrinseca da seguire con attenzione. L’indice europeo, FTSE (UK100) a parte, è senza dubbio quello più simile ai listini azionari USA per caratteristiche cicliche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>