I fiori continuano a profumare

di robot_dika Commenta

Per entrare in Borsa, il gruppo Ciccolella ha fatto una mossa molto interessante che raramente..

La famiglia di fratelli pugliesi continuano a rendere profumata piazza affari con le loro strategiche mosse finanziarie. Il gruppo Ciccolella spa ha in mente grandi svolte nella crescita dell’azienda che è diventata in poco tempo il più grande giardino del mediterraneo come è scritto nell slogan del loro sito internet. Per entrare in Borsa, il gruppo Ciccolella ha fatto una mossa molto interessante che raramente si vede a Piazza Affari ovvero nel marzo del 2006 ha rilevato il 72,84% di Coats Cucirini che era una società quotata alla Borsa Italiana cambiando denominazione in Ciccolella s.p.a. dopo pochi giorni, e sono bastati pochi mesi per concludere l’offerta pubblica di acquisto obbligatorio della totalità dell’azienda. L’azienda pugliese produce fiori e da quando ha acquistato il 100% di Zurel Group si è identificata come azienda hot d’Europa. Il titolo è in continua crescita così come l’azienda e gli analisti l’hanno etichettato come titolo “compra” e infatti il 19 Febbraio è stato ancora congelato per eccesso di rialzo. Questo rialzo è con molta probabilità dovuto al comunicato reso noto il 15 Febbraio con il quale si stabilisce che il consiglio di amministrazione ha approvato un piano di modalità di integrazione florovivaistiche della famiglia Ciccolella nella società. L’assemblea degli azionisti dovrà deliberare uno strategico aumento del capitale che verrà sostenuto dal controllante Gruppo Ciccolella Srl attraverso un conferimento delle propria partecipata al 100% Ciccolella Holding SpA nella società quotata. Dopo questa operazione finanziaria la società stima che, all’atto del conferimento, il patrimonio netto di Ciccolella Holding SpA raggiungerà circa 196 mln di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>