Amplifon sbarca in Turchia

di Redazione Commenta

Amplifon acquisisce con una quota del 51% la maggioranza del capitale sociale di Maxtone.

Amplifon, società quotata in Borsa a Piazza Affari e leader nelle soluzioni uditive, ha annunciato lo sbarco in un nuovo Paese estero, la Turchia, attraverso un’importante acquisizione. Trattasi della Maxtone, per la quale Amplifon acquisisce con una quota del 51% la maggioranza del capitale sociale.

Attiva oltre che in Italia anche in tanti altri Paesi, tra cui USA, Canada, Egitto, Australia, Portogallo, Svizzera, Regno Unito e Spagna, Amplifon si espande così in un nuovo mercato, quello della Turchia, che presenta per il futuro delle ottime potenzialità.



AMPLIFON ACQUISTA NHC

Nel dettaglio, la Maxtone è una moderna azienda operante proprio in Turchia nel settore della commercializzazione di soluzioni uditive. Per quel che riguarda le potenzialità del mercato turco, Amplifon con una nota emessa in data odierna ha messo in risalto come dal 2001 al 2010 si sia passati da 25 mila ad oltre 100 mila apparecchi acustici venduti. L’operazione di acquisizione del 51% di Maxtone da parte di Amplifon ha un controvalore pari all’incirca ad 1 milione di euro includendo anche la quota legata a redditività e fatturato che la società operante in Turchia sarà in grado di raggiungere nei prossimi cinque anni.

BILANCIO AMPLIFON GENNAIO SETTEMBRE 2011

A livello commerciale Maxtone, il cui fatturato 2012 è atteso sul livello dei 2 milioni di euro circa, opera attraverso complessivi otto negozi di soluzioni uditive nelle principali città della Turchia partendo da Istanbul e passando per Ankara e Izmir. Questi negozi si vanno così ad aggiungere per Amplifon agli oltre 3 mila punti vendita ed oltre duemila centri di servizio per soluzioni uditive sparsi in Italia e nel mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>