Nuove commesse Gruppo Trevi in Africa e Stati Uniti

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Ecco i nuovi contratti conquistati all’estero, per un controvalore complessivo pari a 75 milioni di euro, in Africa e negli Stati Uniti.

Continua ad ingrossarsi il portafoglio ordini del Gruppo Trevi, società quotata in Borsa a Piazza Affari ed attiva nel settore delle perforazioni e nell’ingegneria del sottosuolo. L’azienda italiana in data odierna ha infatti alzato il velo su nuovi contratti conquistati all’estero, per un controvalore complessivo pari a 75 milioni di dollari, in Africa e negli Stati Uniti.

Nel dettaglio, attraverso la Trevi Icos Corporation, il Gruppo Trevi ha vinto una commessa a Boston finalizzata alla realizzazione dei lavori per le fondazioni speciali di una torre residenziale da ben 27 piani.



TREVI CONVERTE PRESTITO INDIRETTO IN AZIONI

Attraverso la Trevi Icos South Inc., stavolta in Florida, ed in particolare presso il distretto di Jacksonville, il Gruppo Trevi sì è aggiudicata dal Genio Militare delle Forze Armate USA una commessa per dei lavori di consolidamento e di manutenzione straordinaria di una diga. Nell’Africa occidentale, invece, il Gruppo Trevi, presso un porto marittimo privato, ha conquistato una commessa per lavori di realizzazione di banchine ad uso da parte di compagnie petrolifere.

COMMESSA DA 90 MILIONI DI EURO PER TREVI

Le commesse annunciate in data odierna dal Gruppo Trevi fanno seguito ad una nuova tranche di contratti annunciati il mese scorso, per il Medio Oriente a fronte di un controvalore complessivo pari a 28 milioni di dollari americani circa. In questo caso i lavori riguardano opere di consolidamento del terreno, unitamente alle realizzazione di fondazioni speciali in Oman e ad Abu Dhabi. Anche in questo caso l’acquisizione dei contratti è avvenuta attraverso le società controllate dal Gruppo Trevi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>