Salta l’accordo Vw-Porsche

di Redazione Commenta

Continuano le trattative tra Porsche e Volkswagen per le varie percentuali di proprietà...

Continuano le trattative tra Porsche e Volkswagen per le varie percentuali di proprietà, è proprio notizia fresca il rifiuto da parte della casa di Stoccarda per quanto riguarda uno scambio di partecipazioni nelle due società. Il respingimento di questa trattativa è arrivato ufficialmente sul settimanale tedesco Der Spiegel, il quale ha anche aggiunto che la Volkswagen aveva stabilito proprio nel 29 giugno l’ultimo giorno utile per accettare la proposta di una futura fusione.

I due principali fautori di questi accordi sono il presidente della casa di Wolfsburg, Martin Wiknterkorn e l’azionista di Porsche, ossia Ferdinand Piech.

Il presidente del consiglio di sorveglianza di Porsche, Wolfgang Porsche, ha fatto sapere di essere ben disposto a trattare con VW ma solo in privato non a mezzo di giornali o mezzi di comunicazione. Ha inoltre aggiunto che l’intento di Porsche non è quello di farsi ricattare da WV, la cui quota del 51% è tenuta proprio da Porsche.

Secondo il piano di Winterkorn, Volkswagen andrebbe ad avere inizialmente il 49,9% di Porsche, per poi dividere le quote tra le famiglie Porsche e Piech (40%), la Bassa Sassonia andrebbe ad ottenere il 20%, l’Emirato del Qatar il 15% e il restante 5% andrebbe in mano ad un fondo sovrano ancora non ben specificato.

Ricordiamo che Porsche ha accumulato qualcosa come 9 miliardi di euro di debito cercando di portare la sua partecipazione in VW al 75%. Porsche ha anche chiesto un aiuto di 1,75 miliardi di euro al governo tedesco che però ha negato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>