Telecom pronta a cedere il 45% di Inwit

di Carlo Valuta Commenta

Ancora non è giunta alcuna offerta.

Telecom ha avviato la prassi per la presentazione delle offerte per il 45% del capitale della controllata attiva nella gestione delle torri di trasmissione, Inwit, che coinvolge possibili acquirenti nazionali ed esteri. Secondo una nota inviata dal gruppo telefonico, “è stato avviato, con il supporto degli advisor finanziari incaricati, il processo formale per la presentazione di offerte di acquisto per una quota del 45% circa della tower company”.


Il processo vede coinvolto un selezionato numero di potenziali acquirenti nazionali e internazionali. Le offerte preliminari, secondo quanto si apprende, dovranno essere presentate a Telecom Italia entro la metà di dicembre. Infatti “siamo ancora nella fase iniziale e nessuna offerta è stata ricevuta da Telecom Italia al momento”, ha precisato il colosso tlc. Stamani una fonte interna, secondo quanto riferito dall’agenzia DowJones, ha fatto sapere che Cellnex è in trattative con F2i per presentare un’offerta congiunta per una quota del 40% di Inwit.

Inwit, controllata per il 60% da Telecom Italia, ha attualmente una capitalizzazione di mercato di 2,8 miliardi di euro (3,8 miliardi Cellnex) e pertanto l’operazione potrebbe valere circa 1,12 miliardi anche se la Consob potrebbe stabilire l’obbligo di lanciare un’offerta pubblica totalitaria. Ma tra i soggetti interessati ci sarebbero anche American Tower, la società statunitense che in passato si è aggiudicata le torri di trasmissione di Telecom Italia in Brasile, ed Ei Towers controllata di Mediaset.

A Piazza Affari, dopo che Telecom Italia ha confermato di aver avviato la procedura per la presentazione delle offerte per il 45% di Inwit, il titolo della controllata sale dell’1,97% a 4,86 euro, dopo un massimo intraday a 4,878 euro. Tra l’altro gli analisti di Equita (rating hold e il target price a 5 euro confermati), dopo un contatto con la società, hanno appreso che Inwit sta valutando la possibilità di affrancare il goodwill a bilancio in modo da renderlo fiscalmente deducibile.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>