Benetton punta su Atlantia e AdR

di Verna Vito Commenta

Benetton avrebbe tutte le intenzioni di trasferire Sintonia Spa in Italia, a Roma, così da concentrare gli sforzi su Gemina Spa ed Atlantia Spa.

Il riassetto strutturale e finanziario di Benetton, cominciato nel lontano 2007, starebbe continuando senza sosta e, il prossimo punto all’ordine del giorno sarebbe, stando ad indiscrezioni, il trasferimento di Sintonia Spa, la controllata di Edizione Srl (l’holding finanziaria che gestisce tutte le attività controllate dalla Famiglia Benetton) attiva nei settori delle infrastrutture per le telecomunicazioni e la mobilità, a Roma, così da farne una società di diritto italiano.

ACQUISTO AZIONI ATLANTIA CONSIGLIATO DA SOCIETE GENERALE


Il trasferimento dal Granducato di Lussemburgo, dove oggi è di stanza la società finanziaria in questione, alla capitale romana, dovrebbe concludersi nei primi mesi del 2012 e dovrebbe avere lo scopo di consentire ai Benetton di concentrarsi, come ormai ampiamente appurato, soprattutto nel settore delle infrastrutture italiane a cui il gruppo industriale veneto si interessa tramite le partecipazioni in Atlantia Spa, holding finanziaria che controlla il 100% di Autostrade per l’Italia Spa, e in Gemina Spa, holding finanziaria che detiene il 97,5% di Aeroporti di Roma Spa, la società che gestisce gli scali di Fiumicino e Ciampino.

GEMINA ED AUTOGRILL IN RIALZO PER BUONE NOTIZIE DALL’ISLANDA

Inoltre, sempre secondo indiscrezioni, proprio dai consigli di amministrazione delle società coinvolte dovrebbe provenire il nome del nuovo amministratore delegato di Sintonia Spa che, salvo imprevisti dell’ultima ora, sarebbe stato individuato in Lorenzo Lo Presti.

Lo scopo, appunto, sarebbe quello di consentire ad Edizione Srl di dedicarsi proprio alle infrastrutture italiane che, attualmente, rappresentano, senza ombra di dubbio, i business più prolifici e vantaggiosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>