FonSAI rivede target 2011

di Verna Vito Commenta

FonSAI vede al ribasso i propri di target e quelli di Milano Assicurazioni per il 2011.

Fondiaria SAI, controllata dal gruppo Premafin Finanziaria Spa di Salvatore Ligresti, al centro delle vicende economiche di questa settimana a causa dell’ingresso nell’azionariato di Impregilo di Salini Costruttori, che rischia di sconvolgere gli equilibri interni a Igli, azionista di maggioranza dell’impresa costruttrice, avrebbe dichiarato che non riuscirà a raggiungere gli obiettivi prefissati.

BILANCIO SEMESTRALE FONSAI GENNAIO GIUGNO 2011


A causa, infatti, delle informazioni economico-finanziarie raccolte sino ad oggi da FonSAI, ed in correlazione al possibile andamento dei mercati nei restanti mesi del 2011, sarà davvero molto difficile che la compagnia riesca a raggiungere i 50 milioni di euro di budget previsti per il risultato operativo netto.

FonSAI, infatti, informa che la mancata contabilizzazione della cessione degli asset non strategici diversi dalle attività immobiliari, fatte salve le plusvalenze sulla dismissione degli immobili, avrebbe ulteriormente penalizzato la compagnia nella propria ricerca del raggiungimento del budget previsto.

FONSAI CESSIONE QUOTA GENERALI ENTRO 2012

Sul fronte delle dismissioni, invece, sarebbero stati capitalizzati, al netto delle ritenute fiscali, circa 67 milioni di euro, 36 dei quali derivanti dalle suddette plusvalenze immobiliari e 31 dal disinteressamento nelle attività Citylife.

Altre cessioni, comunque, sarebbero in analisi, così da avvicinarsi il più possibile al budget previsto.

Fondiaria-SAI, inoltre, avrebbe confermato che anche la controllata Milano Assicurazione, agenzia di punta della compagnia torinese, non riuscirà a raggiungere i risultati preventivati a fine 2010 e relativi al 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>