Parmalat vende Santal

di Verna Vito 1

Lactalis vorrebbe vendere la controllata Santal cosicché Parmalat possa concentrarsi sulla commercializzazione del latte.

Secondo alcune indiscrezioni lasciate trapelare in mattinata, il gruppo francese Lactalis, che da inizio luglio possiede l’83,3% di Parmalat, avrebbe tutte le intenzioni di cedere la controllata Santal, da sempre attiva nella produzione e nella commercializzazione di succhi di frutta e simili.

PARMALAT LACTALIS OPA CHIUSA CON SUCCESSO


Sull’azienda italiana, infatti, vi sarebbe l’attenzione, sempre più pressante, di alcuni importanti fondi di private equity che, alla fine, avrebbero avuto ragione sulle ritrosie espresse da Parmalat.

L’occasione, dunque, giunge a pennello e i neo-dirigenti francesi vorrebbero sfruttarla nel migliore dei modi per snellire il gruppo, fin troppo appesantito dagli interessi riversati in attività collaterali cosicché possa specializzarsi nel settore del latte, primaria vocazione dell’azienda creata a Collecchio da Calisto Tanzi e tornare davvero grande in Europa e nel Mondo.

LACTALIS SUPERA IL 50% DI PARMALAT

L’acquisizione di Parmalat da parte di Lactalis, lo ricordiamo, si è resa necessaria in seguito agli eventi che, nel 2003, portarono al cosiddetto crack Parmalat, al commissariamento della società e al lento e graduale riassestamento delle attività terminato quest’anno proprio grazie all’interessamento di Lactalis e all’OPA totale, conclusasi con successo l’8 luglio 2011, su Parmalat.

Questi rumours, però, non hanno giovato al titolo che, infatti, ha inaugurato, proprio a luglio, un graduale movimento ribassista, sino a quota 1,6 euro per azione, che ora fa temere di sfondare gli 1,30 euro per azione e, dunque, far sprofondare il titolo ai minimi del 2009 (1,225 euro per azione).

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>