Aumento di capitale Richard Ginori rinviato

di Redazione Commenta

L’aumento di capitale della società Richard Ginori, quotata in Borsa a Piazza Affari, ed attiva nella produzione di articoli in porcellana da tavola, è rinviato a data da destinarsi, ed in particolare a quando la situazione dei mercati azionari sarà più favorevole.

L’aumento di capitale della società Richard Ginori, quotata in Borsa a Piazza Affari, ed attiva nella produzione di articoli in porcellana da tavola, è rinviato a data da destinarsi, ed in particolare a quando la situazione dei mercati azionari sarà più favorevole rispetto a quella attuale.

Questo dopo che è stata la stessa Richard Ginori a presentare alla Consob, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, un’istanza finalizzata alla rinuncia nel portare avanti un’operazione che era stata deliberata l’1 luglio del 2011 dall’Assemblea degli Azionisti della società riunitasi per l’occasione in sede straordinaria.



AUMENTO DI CAPITALE RICHARD GINORI, TUTTI I DETTAGLI

Richard Ginori si è riservata di riproporre in futuro l’operazione di aumento di capitale e, di conseguenza, riavviare il procedimento istruttorio presso la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa (Consob). L’operazione sospesa, nello specifico, prevedeva un aumento di capitale per un controvalore pari a quasi 10 milioni di euro, 9.997.988 euro per l’esattezza, a fronte dell’emissione di numero 19.995.976 nuove azioni ordinarie Richard Ginori S.p.A. prive del valore nominale.

PROPRIETA’ RICHARD GINORI, INDAGA LA CONSOB

Il rapporto di opzione era stato fissato in numero 13 nuovi titoli Richard Ginori per ogni 30 azioni possedute; la sottoscrizione dell’aumento di capitale era aperta anche attraverso una compensazione di crediti a fronte di un prezzo di sottoscrizione dei nuovi titoli fissato in 0,50 euro per azione e senza applicazione di alcun sovrapprezzo. Ricordiamo che Richard Ginori ha chiuso i primi sei mesi del 2011 con un fatturato di 19,9 milioni di euro a fronte di un risultato netto negativo per 3,2 milioni di euro rispetto ai -2,9 milioni dello stesso semestre dello scorso anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>