Banca Popolare di Milano conferma guidance 2011

di Francesco Di Cataldo Commenta

Gli accantonamenti della Banca saranno in linea con quelli predisposti e non si registrerà una differenza nemmeno di un milione di euro..

Come ormai molti sapranno, la Banca d’Italia ha eseguito nei confronti della Banca Popolare di Milano un controllo approfondito ed i timori nei confronti dell’istituto erano molteplici e questi timori si sono tradotti anche sull’andamento del titolo in Borsa.

Il neo direttore di BPM Enzo Chiesa ha fatto sapere di essere estremamente sereno e di avere tra le mani un istituto in ottime condizioni, riguardo ai risultati di bilancio, Enzo Chiesa ha aggiunto che i conti aggiornati al 30 giugno 2011 saranno in linea con quelli registrati nel primo trimestre dell’anno per i quali sono già stati comunicati e resi noto i numeri.



Gli accantonamenti della Banca saranno in linea con quelli predisposti e non si registrerà una differenza nemmeno di un milione di euro. Il direttore generale dell’istituto milanese ha fatto sapere inoltre che la guidance avrà un costo del credito di 65 punti base nella fine di questo anno di esercizio mentre sarà di 69 punti base quella dello scorso anno.

Con Bankitalia quindi dovrebbe essere tutto risolto e Chiesa ha voluto sottolineare che la banca non è esposta verso i titoli di stato greci e la sua esposizione è dovuta solamente a titoli governativi italiani e a titoli borsistici. Negli ultimi minuti il titolo legato alla BPM recupera un risicato 0,18% portando però a nessuna variazione in euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>