Trimestrale Banca Finnat gennaio marzo 2012

di Redazione Commenta

E’ questa, in estrema sintesi, la fotografia del primo trimestre del 2012 di Banca Finnat, Istituto quotato in Borsa a Piazza Affari e specializzato nell’asset management e nei servizi fiduciari.

Margine di interesse e margine di intermediazione in crescita, rispettivamente, del 47,6% e del 6,2% a fronte di costi operativi trimestrali in contrazione anno su anno del 3%, ed un utile netto consolidato che è rimasto stabile a 1,34 milioni di euro.

E’ questa, in estrema sintesi, la fotografia del primo trimestre del 2012 di Banca Finnat, Istituto quotato in Borsa a Piazza Affari e specializzato nell’asset management e nei servizi fiduciari. Alla fine del trimestre, inoltre, il patrimonio netto consolidato di Banca Finnat si è attestato a 173,72 milioni di euro a fronte di un Tier 1 Capital Ratio al 30,7%.



INVESTIRE PUNTANDO AI DIVIDENDI, OCCHIO AI RISCHI

Nella stessa riunione, inoltre, il CdA di Banca Finnat ha deliberato per la costituzione del Comitato per le nomine, ha nominato Marco Tofanelli in qualità di consigliere e, tra l’altro, ha approvato la variazione dei componenti del Comitato per le Remunerazioni e del Comitato di Controllo Interno.

INVESTIRE IN AZIONI

Riguardo alle masse amministrate totali riferibili al Gruppo, queste alla fine del trimestre ammontavano a 8,6 miliardi di euro con un calo del 6,8% rispetto agli 8,86 miliardi di euro al 31 dicembre del 2011. Nel totale delle masse sono inclusi i patrimoni in gestione individuale, quelli in Sicav ed in fondi immobiliari, non ché la massa fiduciaria amministrata, il risparmio amministrato e le deleghe di gestione ricevute da terzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>