Ariston Thermo punta alle energie rinnovabili

di Stefania Russo Commenta

Ariston Thermo è un'azienda che produce sistemi per il riscaldamento e il confort domestico e che rappresenta il core business della famiglia..

Ariston Thermo è un’azienda che produce sistemi per il riscaldamento e il confort domestico e che rappresenta il core business della famiglia Merloni, non a caso dal 2000 Paolo Merloni ricopre il ruolo di vice presidente e dal 2004 quello di amministratore delegato, per non parlare di alcune informazioni non ufficiali che vedono il figlio di Francesco Merloni come proprietario della maggioranza del capitale della holding di controllo Merloni Finanziaria.

Pochissime settimane fa è stato approvato il bilancio 2009, chiuso con un fatturato in flessione del 9% a 1,1 miliardi mentre il margine operativo lordo è aumentato a 94 milioni dai precedenti 72 milioni, il risultato netto è invece salito a 6 milioni. Risultati considerati piuttosto buoni soprattutto alla luce del difficile contesto economico che ha caratterizzato lo scorso anno.


Ariston Thermo è un’azienda che opera soprattutto all’estero, dove produce circa l’86% dei suoi ricavi mentre solo il restante 14% è riconducibile all’Italia, ha 28 siti produttivi in 10 paesi del mondo e per il suo 80° compleanno ha deciso di dare una svolta alla sua attività puntando alle energie rinnovabili.

Paolo Merloni ha comunicato l’obiettivo piuttosto ambizioso dell’azienda, ossia realizzare entro il 2020 l’80% circa del business con soluzioni ad alta efficienza e che fanno uso di energie rinnovabili. Lo stesso amministratore delegato ha comunicato che per riuscire a raggiungere questo obiettivo non si esclude il ricorso ad acquisizioni, anche se il punto di forza della società è dato dalla sua stabilità finanziaria, dalla presenza globale e dalla forza del marchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>